post

Giovani D Valore: a fine girone di andata Orvietana sempre prima nel girone

L’Orvietana si conferma, anche dopo il terzo aggiornamento, la squadra che può vantare il più alto minutaggio di calciatori giovani, oltre ai 4 obbligatori, del Girone E della Serie D.

Ricordiamo che, se l’Orvietana dovesse mantenere la categoria, sono previsti premi per le prime tre squadre classificate di questa graduatoria pari a € 25.000,00 alla 1°, € 15.000,00 alla 2a e € 10.000,00 alla 3°.

Di seguito la classifica aggiornata con i punti calcolati a seconda dei minutaggi, aggiornata a fine girone di andata:

ORVIETANA 798

TAU ALTOPASCIO 787

SANGIOVANNESE 581

OSTIA MARE 460

GHIVIBORGO 441

SERAVEZZA 434

SPORTING TRESTINA 423

GROSSETO 412

LIVORNO 406

MONTESPACCATO 385

TERRANUOVA TRAIANA 375

AREZZO 314

POGGIBONSI 280

CITTA’ DI CASTELLO 174

FOLLONICA GAVORRANO 144

MOBILIERI PONSACCO 133

FLAMINIA CIVITACASTELLANA 65

PIANESE 54

post

Scontro salvezza al Muzi: arriva l’Ostia Mare

I romani occupano uno dei posti ai margini della zona playout, punti pesantissimi in palio.

Inizia la corsa salvezza per l’Orvietana. Per la seconda giornata di ritorno arriva al Muzi l’Ostia Mare, formazione partita con non poche ambizioni, ma che si ritrova a lottare nei bassifondi. La classifica è piuttosto corta in zona playout: 6 squadre in 4 punti, tra le quali oggi 2 si salverebbero e 4 sarebbero costrette agli spareggi. L’Orvietana è tre punti sotto questo gruppone e, visti anche gli altri scontri diretti in programma, ci sarà l’occasione per i biancorossi di avvicinarsi o addirittura agganciare le avversarie.

Ma ci sono da fare i contri contro l’Ostia Mare, la società ha fatto sapere, per voce del suo presidente, che crede ancora nella risalita e nell’obiettivo playoff. Non a caso nel mercato di dicembre sono arrivati quasi solo attaccanti per i biancoviola.

L’Ostia Mare in trasferta ha subito 5 sconfitte su 9 partite (2 sole le vittorie esterne), ma soprattutto il suo campionato è stato fin qui caratterizzato da ben nove partite su 18 senza subire reti.

Rispetto alla scorsa settimana, torna disponibile Ricci, dopo aver scontato la squalifica, restano da valutare invece Frabotta, ancora alle prese con qualche postumo dell’infortunio, Papale e Proietto che, per differenti motivi, hanno avuto modo di allenarsi poco in settimana.

Fiorucci, comunque soddisfatto dalla prestazione di Arezzo malgrado la sconfitta, è consapevole dell’importanza della posta in gioco: “Sappiamo quanto è importante la gara di domenica, ormai tutte le squadre, anche quelle di bassa classifica, si sono notevolmente rinforzate tanto che ogni settimana assistiamo anche a risultati solo apparentemente sorprendenti. Anche noi ora siamo più equilibrati e abbiamo qualità, ma dobbiamo essere consapevoli che ci attendono delle battaglie anche sul piano fisico e agonistico, dobbiamo fare della lotta una delle nostre caratteristiche principali”.

Si gioca domenica 15 gennaio alle ore 14.30 allo stadio Luigi Muzi, arbitro: Mattia Rodighiero di Vicenza (Fabio Gentile di Teramo – Domenico Lombardi di Chieti)

Per quanto riguarda il settore giovanile agonistico, ancora fermi i campionati Under 16 e Under 14, giocherà in casa l’Under 17 contro il Bastia, mentre saranno impegnate in trasferta Under 19 e Under 15.

Di seguito il programma completo.

Ricordiamo che potete trovare tutti i risultati e i resoconti del settore giovanile e della scuola calcio alla pagina Facebook della nostra Academy:

https://it-it.facebook.com/orvietanacalcioacademy

PROGRAMMA WEEKEND 14-15 GENNAIO

Campionato nazionale Serie D, girone E: ORVIETANA – OSTIA MARE, stadio L. Muzi, Orvieto. Domenica 15 gennaio ore 14.30.

Campionato nazionale Under 19, girone F: POGGIBONSI – ORVIETANA, campo comunale, Castellina in Chianti (SI). Sabato 14 gennaio ore 14.30.

Campionato regionale Under 17 Serie A1, girone unico: ORVIETANA – BASTIA, antistadio O. Achilli, Orvieto. Domenica 15 gennaio ore 11.00

Campionato regionale Under 16, girone C: il campionato riprenderà il 5 febbraio.

Campionato regionale Under 15 Serie A2, girone B: JULIA SPELLO TORRE – ORVIETANA, antistadio XVI giugno, Spello. Sabato 14 gennaio ore 16.00

Campionato regionale Under 14, girone C: il campionato riprenderà il 22 gennaio.

post

Il presidente Biagioli ringrazia Alessio Stocchetti e ne accetta le dimissioni

Il preparatore atletico ha presentato le proprie dimissioni.

Il presidente Roberto Biagioli prende atto con dispiacere delle dimissioni del preparatore atletico Alessio Stocchetti.

Queste le parole del presidente:

“Ringrazio Alessio per la sua professionalità dimostrata in questo lungo periodo e gli auguro i migliori successi, mi dispiace per questa decisione c, ma, preso atto del suo volere, accetto le sue dimissioni”.

post

L’Orvietana cede nell’ultimo quarto d’ora all’Arezzo

Tenuto botta per oltre un’ora e un quarto, l’Arezzo trova due gol in due minuti nell’ultima fase di gara.

AREZZO – ORVIETANA 2-0

AREZZO (4-3-3): Viti; Poggesi, Lazzarini, Polvani, Zona; Foglia (13’st Pattarello), Bianchi, Castiglia; Bramante (39’st Risaliti), Gucci, Convitto (44’st Pretato). A disp.: Trombini, Gaddini, Damiani, Pericolini, Zhupa, Stopponi. All.: Indiani.

ORVIETANA (4-3-1-2): Marricchi; Omohonria (48’st Di Natale), Borgo, Bassini, Papale (44’st Di Loreto); Rinaldi (25’st Frabotta), Proietto, Rosini (26’st Carletti); Alagia; Tomassini, Mignani (39’st Megaro). A disp.: Rossi, Siciliano, Biancalana, Pelliccia. All.: Fiorucci.

ARBITRO: Bortolussi di Nichelino (Cerrato di S. Donà di Piave – Posteraro di Verona).

MARCATORI: 32’st Castiglia, 35’st Gucci.

NOTE: spettatori 2164 (922 abbonati + 1242 paganti), ammoniti: Bassini, Rosini, Mignani (O); . Angoli: 10-4. Recupero: 1’+ 5’.

nella foto (by amarantomagazine.it una fase della gara)

Non ce la fa l’Orvietana a trovare il quinto risultato utile consecutivo, la trasferta era in teoria una delle più proibitive, sul campo della favorita del torneo che deve però inseguire la Pianese.

Fiorucci manda in campo dieci undicesimi della formazione che aveva giocato Montespaccato, ad eccezione ovviamente dello squalificato Ricci. Prima da titolare per Alagia che fa da supporto al tandem di attacco formato da Tomassini e Mignani. Nell’Arezzo debutta il nuovo acquisto Foglia a centrocampo e viene confermato in porta il 2004 Viti. Si è giocato davanti ad oltre duemila spettatori.

L’Arezzo fa la partita, Foglia ci prova già di testa al 5’minuto, poco dopo fa meglio Gucci che colpisce la parte alta della traversa. I padroni di casa insistono sul proprio lato sinistro dove Zona riesce spesso ad arrivare fino in fondo e mettere al centro palloni invitanti. L’Orvietana contiene, Marricchi di fatto, malgrado i vari tentativi amaranto, non deve mai intervenire nel primo tempo. Tra tanta pressione dell’Arezzo, i biancorossi riescono al 38’ a farsi pericolosi: Rinaldi pesca Mignani in area che supera un avversario, ma l’intervento del portiere devia in angolo la sfera. Nel finale di primo tempo ancora padroni di casa a pressare, ma Convitto, a pochi metri dalla porta, manca l’appuntamento col pallone. Si va a riposo con le reti inviolate.

In avvio di ripresa occasione per l’Arezzo, con Gucci che approfitta di una disattenzione della difesa orvietana e riesce a presentarsi in area, ma ancora una volta le polveri sono bagnate, pur essendo solo davanti al portiere, calcia fuori. Nell’Orvietana è Rosini ad impegnare dalla distanza Viti.

L’Arezzo intanto inserisce Pattarello per Foglia, mossa che rende ancora più offensiva la squadra, un po’ come all’andata le soluzioni dalla panchina di Indiani decidono il match. Poco dopo infatti ci vuole un salvataggio sulla linea di Borgo ad evitare a Lazzarini il vantaggio. Orvietana un po’ alle corde, Fiorucci allora inserisce Frabotta e Carletti per Rinaldi e Rosini. Ma poco dopo l’Arezzo infila l’uno – due che chiude la partita: Pattarello crossa in area, finta di Gucci, pallone che arriva a Castiglia che questa volta non perdona. Passano appena due giri di orologio e stavolta è Convitto che regala a Gucci la possibilità di segnare di testa. Il doppio vantaggio a dieci dal novantesimo, non lascia scampo ai biancorossi che non riescono a reagire.

La settimana prossima è previsto il match casalingo contro l’Ostia Mare, domenica 15 gennaio alle ore 14.30.

post

Valerio Liberti, responsabile tecnico della scuola calcio, fa il punto della situazione.

“La proposta socio educativa è basata su inclusione, partecipazione e socializzazione”.

Dopo tre mesi abbondanti di lavoro, quali sono le impressioni sullo stato dell’arte della scuola calcio dell’Orvietana?

“In estate, quando sono stato chiamato a ricoprire l’incarico di Responsabile Tecnico della Scuola Calcio, abbiamo condiviso e fissato con la Società un duplice obiettivo: mantenere ed incrementare l’afflusso di nuovi piccoli calciatori presso le nostre strutture; offrire loro il miglior servizio possibile dal punto di vista della qualità della proposta sportiva e socio-educativa. I numeri e l’andamento generale delle attività di tutte le categorie della scuola calcio sembrano darci dei positivi, soddisfacenti riscontri in entrambi i sensi. Il percorso di crescita è indiscutibilmente ben intrapreso ma il lavoro quotidiano, messo in campo da tutti i collaboratori della scuola calcio, deve avere come obiettivo finale anche e soprattutto il risultato di medio e di lungo periodo. È nel futuro che vogliamo arrivare…”

Quali sono gli aspetti su cui punta la Società per consolidare l’importanza ed i successi della sua Scuola Calcio?

“L’idea di fondo, che tutti insieme cerchiamo di portare avanti, muove verso due orizzonti: da una parte il rispetto ed il perseguimento dei valori socio – educativi dell’inclusione, della partecipazione, della socializzazione, dell’avvicinamento allo sport per tutti i bambini della nostra città e non solo; dall’altra il tentativo di abbinare a questi aspetti di carattere generale, anche un’ offerta formativa sul piano sportivo e calcistico di elevato livello qualitativo che possa assicurare a tanti ragazzi un futuro nel calcio giocato, a qualsiasi livello lo si intenda  – è ovvio che l’obiettivo principale è quello di preparare tutti i nostri ragazzi ad effettuare il fatidico “salto” nel comparto agonistico del nostro settore giovanile. La scelta della Società di avvalersi dell’operato di soli tecnici qualificati, fin dalla Scuola Calcio, sta lì a testimoniare proprio questo”.

Su quali categorie può contare la Scuola Calcio dell’Orvietana?

“Da quest’anno l’Orvietana vanta tutte le categorie, anche con più gruppi: Piccoli Amici, Primi Calci, Pulcini ed Esordienti, tutte con numeri in crescita e livelli qualitativi non trascurabili e che lasciano molto ben sperare per il futuro. I riscontri sportivi che abbiamo dalle partecipazioni ai tornei locali e provinciali, in tutte le categorie, ci rendono orgogliosi del livello attuale e ci spingono a perseverare nella direzione intrapresa”. 

Novità e prospettive per il prossimo futuro?

“Ad inizio del nuovo anno, il settore giovanile, grazie alla avvenuta ultimazione degli impianti di illuminazione e di irrigazione, potrà avvalersi dell’utilizzo di un ulteriore campo di dimensioni regolamentari attiguo allo Stadio Muzi e all’Antistadio Achilli: ciò potrà garantire ulteriori spazi per gli allenamenti di tutte le nostre squadre e dare ulteriore spinta ad un progetto che dovrà essere ancor più implementato, ma che già ci sta restituendo incoraggianti, importanti soddisfazioni”.

post

Passa l’Arezzo, ma l’Orvietana piace

Fiorucci ne cambia 10 su 11 rispetto a domenica scorsa, partita decisa da un gran gol di Bramante.

ORVIETANA-AREZZO 1-2

ORVIETANA (4-3-3): Marricchi; Biancalana, Borgo (15’st Frabotta), Siciliano, Papale; Brondi, Rosini, Proietti (25’st Guazzaroni); Mignani (32’st Traorè), Nicodemo (11’st Tomassini), Di Natale (38’st Bracaletti). A disp.: Bracaj, Carletti, Omohonria, Di Loreto. All.: Fiorucci.

AREZZO (4-3-3): Viti; Stopponi (30’st Pericolini), Castiglia, Bruni, Scichilone (10’st Zona); Dema, Foglia (27’st Bianchi), Settembrini (1’st Lazzarini); Bramante, Diallo, Zhupa (27’st Pattarello). A dip.: Di Furia, Convitto, Gucci, Bonavita. All.: Indiani.

ARBITRO: Paccagnella di Bologna (Colucci di Padova – Scaldaferro di Vicenza).

MARCATORI: 33’pt Mignani (O), 35’pt Foglia (A), 29’st Bramante (A).

NOTE: ammoniti: Nicodemo (O); Zhupa, Pericolini (A). Angoli: 5-7. Recupero: 0’+ 7’.

Un’Orvietana più che sperimentale, diverte e va vicino all’impresa contro un Arezzo anch’esso rimaneggiato che rischia molto prima di trovare a un quarto d’ora dalla fine il gol vittoria con un gran tiro da fuori area di Bramante.

Fiorucci conferma solo Borgo dei titolari di domenica scorsa, fa esordire Marricchi in porta, ripropone Biancalana terzino, prova il neo acquisto Papale come esterno sinistro basso. Fascia di capitano a Proietti, tornano titolari Brondi, Nicodemo e Di Natale, spazio anche ai nuovi Rosini e Mignani. Anche l’Arezzo opta per un ampio turn over.

Il ritmo c’è, le occasioni meno nella prima parte del match, che si scalda invece dopo i primi venti minuti. Zuhpa chiama al tuffo Marricchi, parte subito il contropiede e Mignani scappa via, vince un primo contrasto, poi sul più bello si accentra e spreca tutto. Ma lo stesso Mignani si riscatta dieci minuti dopo: ancora un lancio lungo di Marricchi e stavolta il contrasto vinto su Stopponi porta il neo arrivato in maglia biancorossa in area dove approfitta dell’uscita a vuoto del portiere, fin troppo facile depositare il pallone in rete. Ottimo il biglietto da visita del classe 2002 prelevato dal Poggibonsi.

Purtroppo però il vantaggio dura circa 100 secondi, tanto ci mette l’Arezzo a riportate tutto in parità quando Settembrini dà il via libera a Stopponi, assist perfetto per Foglia supera Marricchi. La gara ora vive di capolgimenti di fronte: Orvietana vicina al nuovo vantaggio con Proietti, serve una gran parata di Viti per negargli la gioia del gol. Dalla parte opposta Marricchi deve di nuovo opporsi a Zhupa.

Nella ripresa è ancora Mignani a chiamare all’intervento il portiere ospite Viti. Intanto Indiani mette dentro Zona e Fiorucci Tomassini. Ma i ritmi calanao e i portieri restano a lungo inoperosi. La gara si decide alla mezz’ora del secondo tempo quando Bramante trova una conclusione da fuori area precisa e potente che supera Marricchi.

Fiorucci non si arrende, manda in campo Traorè e Bracaletti e l’Orvietana chiude in avanti la gara. Ancora sugli scudi il portiere ospite che si oppone sia su Frabotta, che sulla punizione di Bracaletti. Fino all’ultimo secondo l’Orvietana si butta in avanti, rischiando in un’occasione il contropiede dell’Arezzo.

Finisce con gli amaranto qualificati per gli Ottavi, l’Orvietana ha però dimostrato di essere viva e concentrata per il proseguo della stagione in campionato.

Foto: amarantomagazine.it

post

Altri due nomi per l’Orvietana: arrivano Mignani e Papale

Proprio alla vigilia del match di coppa contro l’Arezzo, la società tessera altri due fuoriquota prelevati da altre squadre di Serie D.

Si tratta di Guglielmo Mignani, attaccante classe 2002 fino a ieri in forza al Poggibonsi, con cui ha collezionato 12 presenze ed un gol. Precedentemente Guglielmo aveva indossato le maglie di Siena e Carpi.

Arriva anche Gabriele Papale, del 2004, terzino sinistro mancino, proveniente dal S. Ogliastra.

Entrambi sono già disponibili per la gara di oggi di coppa contro l’Arezzo.

post

Olimpieri fa il punto a un terzo della stagione: “Settore giovanile, fiore all’occhiello!”

Organizzazione, competenze e supporto della proprietà consentono i migliori risultati.

Arrivati ad un terzo della stagione sportiva il responsabile tecnico Peppe Olimpieri, fa il punto della situazione del settore giovanile agonistico.

“Veniamo da un fine settimana perfetto sotto il profilo dei risultati: tutte le nostre squadre hanno vinto e questa non è un’eccezione, ma da tempo è una situazione che si ripete. Fortunatamente poi ha vinto anche la prima squadra, quindi weekend da filotto!”

Olimpieri è giustamente orgoglioso di quanto sta accadendo nella “cantera” dell’Orvietana:

“Da tempo è consolidato, a livello regionale, vederci primeggiare in tutte le categorie, frutto di una programmazione e di un investimento a livello tecnico sugli organici e di spessore per quello che riguarda i nostri allenatori. A livello organizzativo voglio sottolineare il grande lavoro di chi, dietro le “quinte”, permette alla macchina di funzionare a pieno regime. Vi garantisco che per gestire tutto il movimento del settore giovanile senza la professionalità e le varie competenze nei propri incarichi, nulla di quanto detto non sarebbe stato possibile”.

Non sono soli i risultati e le classifiche, comunque eccellenti, a contare nel settore giovanile come ricorda lo stesso Olimpieri:

“Ovviamente siamo soddisfatti del percorso intrapreso, ma il nostro obbiettivo è quello di migliorarci perché uno dei nostri fini è formare il più possibile giocatori per la prima squadra. Un ringraziamento d’obbligo va al presidente Biagioli che da anni investe sul settore giovanile e a tutti i genitori che credono in Noi. Forza Orvietana!”.

post

L’Orvietana ci spera, ma Tomassini non basta

Ennesima sconfitta per i biancorossi in trasferta sul campo del Ghiviborgo (3-2).

GHIVIBORGO – ORVIETANA 3-2

GHIVIBORGO: Antonini, Seminara, Videtta, Mukaj (32’st Bertonelli), Nottoli, Bongiorni (36’st Del Carlo), Campani, Mata Gozalbez (27’st Mancini), Del Dotto, Sgherri, Zini. A disp.: Velani G., Signorelli, Giannotti, Maggi, Buchignani . All.: Maccarone

ORVIETANA: Rossi, Onishchenko (1’st Biancalana), Brondi (22’st Tomassini), Siciliano, Ricci, Bassini (18’st Omohonria), Traore, Frabotta, Rinaldi, Bracaletti (14’st Nicodemo), Carletti (35’st Di Natale). A disp.: Bracaj, Borgo, Proietti, Guazzaroni. All.: Fiorucci

ARBITRO: Esposito di Ercolano (Perri di Lamzia Terme e Greco di Nichelino)

RETI: 6’pt Campani (G), 30’pt Bongiorni (G), 25’st Zini (G), 41’st e 42’st Tomassini (O).               

NOTE: Al 33’st Tomassini (O) fallisce un calcio di rigore. Ammoniti: Mata (G); Bracaletti e Guazzaroni, dalla panchina, (O).

Di: Rebecca Animobono

Fiorucci cambia tutto e nonostante una rosa inedita, condita anche del nuovo arrivo Siciliano, lascia sul campo del Ghiviborgo i tre punti. Pochi i momenti di azione condotti dall’Orvietana, che da subito finisce sotto di un gol, messo in rete al 6° minuto del primo tempo dal numero 16 Campani. Poco dopo ci prova Onishchenko, con un tirone da fuori area che esce di poco fuori dallo specchio della porta.

Da qui in poi l’orvietana si vede a tratti senza trovare una conclusione, cosa che invece riesce bene alla formazione di mister Maccarone, che segna nuovamente al 30° con Bongiorni. Tra i tentativi dalla distanza di Bassini e un palo di Rinaldi, i locali si riaffacciano alla porta di Rossi con un angolo al 38° battuto dal numero 3 Seminara che ribattuto da un compagno esce di poco. L’ultima azione del primo tempo si conclude con le proteste dei locali per un possibile fallo di mano di Bracaletti sul rinvio di Antonini che favorisce un tiro di Onishencko, parato dallo stesso Antonini.

La ripresa parte come una fotocopia del primo tempo, sofferenza dei biancorossi e costante pressing della formazione locale, al punto che al 20°, favoriti da un errore di Siciliano, si vedono negare il terzo gol da una chiusura fondamentale di Frabotta, ma al 24° ecco la terza rete del Ghiviborgo, firmata Zini.

Da qui in poi il ritmo sembra calare anche per i padroni di casa, che sul risultato di 3 a 0 sembrano attendere nient’altro che il triplice fischio. Dopo una serie di cambi da ambo le parti, al 33° ci riprova Rinaldi che arrivato ormai in area viene atterrato da Del Dotto, successivamente ammonito, che regala ai biancorossi una possibilità dal dischetto. Dagli 11 metri ci prova Tomassini, appena rientrato in campo dopo l’infortunio, ma il tiro è troppo centrale e Antonini respinge.

Ogni speranza sembra vana proprio quando l’Orvietana inizia a giocare, e quando ormai non ci spera più nessuno nel giro di due minuti Tomassini, prima su tiro cross di Traorè poi su azione personale trova la doppietta, riaccendendo le speranze dell’Orvietana.

I 5 minuti di recupero concessi si concludono con un calcio d’angolo a favore dei biancorossi che però l’arbitro Esposito non fa battere, sancendo la fine della gara con il triplice fischio.

post

Coppa Italia: Orvietana a Trestina il 2 novembre

Accoppiamenti Trentaduesimi di Finale: biancorossi ancora in trasferta.

Sono stati definiti gli accoppiamenti dei Trentaduesimi di Finale della Coppa Italia di Serie D, sebbene manchino ancora all’appello due gare dei Sessantaquattresimi che si disputeranno il 19 ottobre.

L’Orvietana giocherà ancora in trasferta (la terza consecutiva) l’impegno in gara unica previsto per mercoledì 2 novembre contro il Trestina, altra formazione umbra di Serie D.

La vincente di Trestina – Orvietana accederà ai Sedicesimi di Finale, previsti il 7 dicembre, contro la vincente tra Lupa Frascati e la vincente di Livorno – Arezzo che devono ancora disputare il turno precedente.

L’Orvietana si è qualificata a questi Trentaduesimi battendo il Grosseto nel turno preliminare e il Follonica Gavorrano nei Sessantaquattresimi di Finale.

Questi tutti gli accoppiamenti in ordine di tabellone:

CHISOLA – BRA

LIGORNA – SESTRI LEVANTE

CASALE – DERTHONA

CREMA – VIRTUS C. BERGAMO

FRANCIACORTA – BRENO

VARESINA – VARESE

ARCONATESE – CARONNESE

GIANA ERMINIO – ALCIONE MILANO

CJARLINS MUZANE – DOLOMITI BELLUNESI

UNION CLODIENSE – LEGNAGO

CALDIERO TERME – MONTEBELLUNA

ESTE – ADRIESE

CARPI – UNITED RICCIONE

BAGNOLESE – CORREGGESE

SERAVEZZA – PISTOIESE

PRATO – POGGIBONSI

LUPA FRASCATI – Vincente LIVORNO/AREZZO

TRESTINA – ORVIETANA

PORTO D’ASCOLI – PINETO

TOLENTINO – ALMA JUVENTUS FANO

ARZACHENA – SARRABUS OGLIASTRA

ROMA CITY – TIVOLI

TRASTEVERE – FLAMINIA CIVITACASTELLANA

PUTEOLANA – MOLFETTA

CAVESE – VASTOGIRARDI

FASANO – TEAM ALTAMURA

CASERTANA – REAL AVERSA

FRANCAVILLA – LAVELLO

NOCERINA – PORTICI

LAMEZIA TERME – CITTANOVA

Vincente ACIREALE/RAGUSA – PATERNO’

S. AGATA – TRAPANI