post

Vittoria ad Ellera e primato sempre più assoluto per l’Orvietana

Sciacca risolve una partita a lungo bloccata, un gol frutto di astuzia, fisicità e tanta garra..

ELLERA – ORVIETANA 0-1
ELLERA (4-4-2):
Battistelli; Bazzucchi (37’st Ardone), Marconi, Ricci, Lavano; Trentini (19’st Tiny), Rondoni (21’st Ubaldi), Lanzi (21’st Pettinelli), Bura (25’st Veneroso); Colombi, Passeri. A disp.: Cuppoloni, Piazzai, Boldrini, Bunjaku. All.: Cicucarelli.
ORVIETANA (4-2-3-1): Frola; Lanzi, Proietti, Guinazu, Flavioni; Cotigni (21’st Vicaroni), Greco; Bracaletti (38’st Keita), Guazzaroni (32’st Biancalana), Nicodemo (21’st Di Patrizi); Sciacca, A disp.: Perquoti, Barbini, Lombardelli, Cipolla, Baci. All.: Ciccone
ARBITRO: Nicchi di Gubbio (Isidori di Perugia – Bellucci di Gubbio).
MARCATORE: 18’st Sciacca.
NOTE: Ammoniti: Lavano, Colombi, Ardone (E); Flavioni (O). Angoli: 5-7; recupero: 1’+ 4’.

L’Orvietana inizia il girone di ritorno nella stessa maniera in cui aveva chiuso quello di andata: con l’ennesima vittoria, la 15° su 18 partite, contro una delle squadre più in forma del momento l’Ellera di Ciucarelli che per lunghi tratti ha provato a fare la partita, per poi cedere nella ripresa.

Entrambi gli allenatori lamentano l’assenza di un centrale difensivo. Sono infatti squalificati Zanchi tra i padroni di casa e Fapperdue nell’Orvietana. Ciccone quindi sceglie di arretrare il centrocampista Proietti accanto a Guinazu, con Lanzi e Flavioni esterni. Cotigni e Greco, che torna titolare, si posizionano davanti alla difesa. In mediana ci sono Bracaletti, Guazzaroni e Nicodemo subito dietro a Sciacca. Ciucarelli invece opta per il 4-4-2 con Battistelli tra i pali, Bazzucchi, Marconi, Ricci e Lavano in difesa; Trentini, Rondoni, Lanzi e Bura a centrocampo e la coppia Colombi, Passeri davanti.

Pressa subito l’Ellera che guadagna due corner nei primi minuti. Ma poi la gara si blocca a centrocampo e bisogna attendere il minuto 22’ per assistere al break di Greco sulla trequarti, pallone che arriva sulla sinistra a Sciacca che prova la traiettoria sul secondo palo, ma finisce larga. L’Ellera spinge ma fatica a mettere palla dalle parti di Frola, se non da calci piazzati dove però ha sempre la meglio il portiere dell’Orvietana. Ospiti che si rivedono al 27’ Nicodemo riceve palla sulla sinistra, va via in slalom viene fermato in angolo dalla difesa, qualche protesta per l’intervento.

Il secondo tempo che inizia senza cambi e con un tiro dalla distanza di Lavano che Frola controlla andare alto sopra la traversa. L’occasione per l’Orvietana arriva poco dopo il quarto d’ora quando va a battere un angolo Bracaletti, la palla arriva sul fronte opposto a Greco, il centrocampista prova il tiro al volo che finisce di pochissimo a lato. Un minuto dopo la gara si sblocca: Sciacca, lanciato lungo, ruba palla tra il portiere in uscita e il centrale Ricci, che pasticcia, il numero 9 ospite trova quindi spazio arretrandosi e fa partire il tiro che si insacca. E’ il nono centro stagionale per la punta italoargentina.

Ciucarelli inserisce Tiny, Ubaldi, Pettinelli e Veneroso e disegna una formazione super offensiva, Ciccone risponde mettendo Vicaroni e Di Patrizi. E’ ancora l’Orvietana a sfiorare il gol alla mezz’ora: gran girata di Bracaletti che chiama alla parata in tuffo Battistelli. Entrano anche Keita e Biancalana, l’Ellera spinge e si fanno pericolosi al minuto 88 quando Veneroso manda al centro una palla che Ricci tocca quanto basta per farla giungere a Colombi sul secondo palo, ma l’attaccante da distanza ravvicinata mette alto.

Prossimo turno: domenica 12 alle 14.30 in casa contro il Massa Martana

CLASSIFICA 
Orvietana 47
Lama 38
Narnese 34
Pontevalleceppi 30
Branca 29
M. Martana 28
Ellera 26
Cast. Lago 24
V.A. Sansepolcro 23
S. Sisto 22
Gualdo Cas. 20
Bastia 20
Ol. Thyrus 19
Angelana 18
Nestor 18
Castel del Piano 16
Ducato Sp. 15
F. Assisi Subasio 14

post

Ci lascia un grande amico e tifoso

L’Orvietana perde una particella di passione. Quella che aveva accompagnato, per una vita, Rodolfo Maccaroni, tifoso gentile, andatosene senza far rumore.

di Roberto Pace.

La poltroncina in terza fila, sulla tribuna centrale, non lo accoglierà più e chiunque la occuperà non potrà riuscire a trasmettere lo stesso calore dell’ex postino. Molti lo conoscevano soprannome, frutto del passato lavorativo nel quale la disponibilità ad aiutare il prossimo veniva al primo posto. Rodolfo, gradevole compagno di viaggio in numerose trasferte, trasmetteva voglia di vivere e una visione colorata del futuro. Faceva progetti, tutti imperniati sul camper, un altro dei suoi amori, perché amava viaggiare a caccia di nuove mete. Il suo stile di vita e le sue abitudini erano come regolate da un orologio di gran lusso. C’era lo spazio per la famiglia, la fida Ornella due figlie e cinque nipotini, per l’immancabile passeggiata salutare, per il rispetto dei tempi d’assunzione dei medicinali come per la capatina al bar per commentare le partite dell’Inter, dell’Orvietana, oltre ai GP di F1. Le macchine da corsa erano state la sua prima passione. Si provò come pilota, alla guida della curatissima FIAT ABARTH 850. Allo stadio arrivava sempre per tempo, pronto ad aprire il borsello ed offrirti il benaugurante caffè. Addio Rodolfo, un posto in macchina per te, nelle trasferte, sarà sempre libero.

post

Sciacca risolve la pratica Gualdo, terza vittoria ottenuta in inferiorità numerica

L’espulsione di Fapperdue ad inizio ripresa sembrava aver complicato tutto, ma pochi minuti dopo arriva il gol vittoria.

ORVIETANA – GUALDO CASACASTALDA 1-0

ORVIETANA (4-2-3-1): Frola; Lanzi (28’st Biancalana), Fapperdue, Guinazu, Flavioni; Proietti, Greco; Bracaletti (23’st Vicaroni), Guazzaroni (41’st Cotigni), Keita (8’st Di Patrizi); Sciacca (46’st Marsili). A disp.: Perquoti, Barbini, Lombardelli, Baci. All.: Ciccone.

GUALDO C. (4-3-3): Bazzucchi; Coppola, Mereu, Bormioli, Dedja; Balducci (27’st Bertolini), Lorenzini, Favaro; Buzzi (46’st Maccari), Minuti (5’st Rossi), Diaby. A disp.: Fioroni, Santibacci, Menichelli, Scaramucci, Marini, Abdiji. All.: Tomassoli.

ARBITRO: Reali di Foligno (Brizioli di Perugia – Dandola di Perugia).

MARCATORE: 9’st Sciacca.

NOTE: Espulso: Fapperdue (O) al 4’st per doppia ammonizione. Ammoniti: Bormioli, Bazzucchi (G), Guazzaroni (O). Ammonito Ciccone allenatore Orvietana. Angoli: 8-0. Recupero: 3’ + 4’.

Torna a vincere l’Orvietana in una gara tutt’altro che facile, contro un avversario arrivato ad Orvieto per contenere i danni. Obiettivo che stava riuscendo agli uomini di Tomassoli, ma paradossalmente l’espulsione di Fapperdue più che sconvolgere i piani dell’Orvietana li ha scombussolati al Gualdo: la gara è stata decisa proprio pochi minuti dopo l’espulsione. Pomeriggio tranquillo per Frola anche in inferiorità numerica.

Ciccone ha potuto contare sulla solita formazione, anche Tomassoli conferma il suo 4-3-3. Nella prima parte di gara, la corsa e la freschezza atletica degli ospiti rendono difficile all’Orvietana la fase di impostazione. Col passare del tempo però gli ospiti saranno costretti ad arretrare il baricentro, senza più farsi vedere in avanti.

La prima emozione dopo 12 minuti, quando Sciacca si inventa un rasoterra a liberare Proietti al limite dell’area, palla per Guazzaroni, in fuorigioco, l’assistente alza la bandierina, ma l’arbitro non si accorge e fa proseguire. Viene atterato Guazzaroni l’arbitro assegna il rigore ed estrae il rosso, ma il precedente intervento dell’assistente fa rimettere il cartellino in tasca a Reali di Foligno.

A metà tempo sembra di essere tornati indietro di una settimana, come a Castiglione del Lago il portiere avversario calcola male l’uscita e colpisce di mani il pallone fuori area, stavolta l’arbitro opta solo per l’ammonizione. Greco va a battere il calcio diretto e segna, ma l’arbitro fa ripetere per una scorrettezza prima del tiro, sul secondo tentativo Greco guadagna solo un calcio d’angolo.

La gara prosegue con pochi sussulti fino al 40’ quando da corner battuto da Bracaletti, Guinazu trova il tempo giusto per incocciare di testa, ma il tuffo di Bazzucchi ha del miracoloso e salva il risultato, il successivo tentativo di Sciacca invece non è altrettanto pericoloso. Si va al riposto a reti inviolate, grazie soprattutto all’intervento straordinario di Bazzucchi.

Non passano nemmeno 20 secondi dal ritorno in campo e l’Orvietana è subito pericolosa: Guazzaroni doma la palla a centrocampo, apre per Keita che cambia gioco su Bracaletti, il capitano serve una palla tesa a centro area dove arriva di testa Sciacca, ma manda a lato. Ma dopo due minuti, la seconda palla persa in partita da Fapperdue a centrocampo, costa il secondo giallo al difensore centrale, reo di un errore simile nel primo tempo, Orvietana in dieci.

Qualche minuto dopo Ciccone manda in campo Di Patrizi per Keita e dopo nemmeno un giro di orologio la partita si sblocca: Greco serve in area Sciacca che da posizione defilata trova una traiettoria splendida che vale il vantaggio. Un premio per il numero 9 di casa, dopo un primo tempo a recuperare palloni e a inventare per i compagni.

Cambia quindi il copione della partita con gli ospiti, in superiorità, a doversi sbilanciare. Tomassoli, che già aveva inserito Rossi per Minuti manda dentro anche Bertolini. Ciccone deve togliere per infortunio Lanzi. Ma è l’Orvietana ad avvicinarsi al raddoppio al 35’: ancora Sciacca protagonista, sull’ennesimo corner battuto da Greco, prova la deviazione sottoporta, ma finisce di poco alta.

Il Gualdo torna in area solo a pochi istanti dal triplice fischio, ma l’uscita di Frola anticipa Rossi e Diaby.

Dopo le gare contro Massa Martana e Castel del Piano, anche contro il Gualdo i ragazzi di Ciccone hanno portato a casa il bottino pieno malgrado l’inferiorità numerica.

Con questo successo l’Orvietana mantiene i 4 punti di vantaggio sulla Narnese, vittoriosa a Sansepolcro, mentre aumenta addirittura a +10 il vantaggio sulle terze.

Domenica prossima trasferta a Terni contro l’Olimpia Thyrus San Valentino (ore 14.30).

CLASSIFICA

Orvietana 29

Narnese 25

Pontevalleceppi e Lama 19

Branca 18

V.A. Sansepolcro, Cast. Lago e M. Martana 16

Gualdo Cas. e Bastia 15

Castel del Piano 14

Ellera 13

S. Sisto 11

F. Assisi Subasio e Ducato Sp. 10

Angelana 9

Ol. Thyrus 8

Nestor 7

post

Orvietana fermata da 3 pali, non va oltre lo 0-0

Innumerevoli occasioni, legni colpiti da Greco, Bracaletti e Keita, i lacustri riescono sempre a salvarsi

CASTIGLIONE DEL LAGO – ORVIETANA 0-0

CASTIGLIONE DEL LAGO: Rossi, Meoni, Silvestri, Galeotti, Fiorucci (32’st Pellegrini), Palmese, Pelliccia (31’pt Kikkri), Lignani (46’pt Poli (28’st Baldoni)), Bianconi, Miccio, Braccalenti (14’st Ceccarelli). A disp.: Nappo, Peverini, Convito, Grilli. All.: Grilli.

ORVIETANA: Frola, Lanzi, Flavioni, Guinazu, Greco, Fapperdue, Di Patrizi (1’st Keita), Guazzaroni (42’st Marsili), Sciacca, Bracaletti, Vicaroni. A disp.: Percuoti, Biancalana, Barbini, Lombardelli, Cotigni, Baci, Proietti. All.: Ciccone.

ARBITRO: Spera di Barletta (Spena di Perugia – Suriani di Perugia).

NOTE: Espulso Rossi (C) al 30’pt per tocco di mani fuori area. Ammoniti: Fiorucci, Lignani, Braccalenti (C), Sciacca (O). Recupero: 2’+5’.

Secondo pareggio consecutivo per l’Orvietana che spreca il possibile, ma anche l’impossibile, sulle rive del lago Trasimeno. Ciccone sceglie Di Patrizi a centrocampo come sottoquota, potendo così schierare Vicaroni titolare in attacco. Restano in panchina sia Proietti che Cotigni. Il neo tecnico Grilli recupera i difensori centrali, Fiorucci e Palmese, la cui assenza aveva causato l’emorragia di risultati nei turni precedenti al Castiglion del Lago.

foto: pagina facebook Castiglione del Lago calcio

Ma l’Orvietana parte subito forte, già dopo 3 minuti Guazzaroni inventa un assist per Vicaroni che si ritrova a tu per tu con l’estremo difensore di casa, ma spreca tutto. Pochissimi giri di orologio e un’azione manovrata dei biancorossi consente a Bracaletti di provare la conclusione che Rossi devia in angolo. Dall’altra parte Miccio e Braccalenti faticano invece a trovare gli spazi giusti, il duo Fapperdue – Guinazu riesce a contenerli bene.

L’Orvietana sembra sempre arrivare prima sui palloni e alla mezz’ora Sciacca spizza di testa per Bracaletti che libera Vicaroni, azione bellissima e il numero 11 orvietano, vedendo il portiere in uscita lo supera con un pallonetto che sarebbe stato vincente, se lo stesso numero uno di casa, con un colpo di reni, non lo deviasse in corner. Ma l’intervento del portiere era ampliamente fuori dell’area di rigore e quindi non può che arrivare un cartellino rosso. La successiva punizione di Greco, dopo che in porta è subentrato l’ex Kikrri, vede la palla stamparsi sulla traversa e poi rimbalzare sulla linea, a portiere battuto.

Nella successiva ora di gioco, tra la fine del primo tempo e tutta la ripresa, è sembrato di rivedere la sfortunata prestazione di Coppa contro l’O. Thyrus: occasioni in quantità industriali, ma senza mai riuscire a spingere la palla in rete. Solo Braccalenti, prima che finisse il primo tempo, ha provato a scaldare le mani a un comunque attento Frola.

Ad inizio ripresa poi l’intervento in area ai danni di Vicaroni è sembrato un netto rigore a tutti, tranne all’arbitro, arbitro che poi sorvolerà su un altro dubbio intervento ai danni di Miccio e su un terzo contatto da rigore sempre su Vicaroni.

Ma le occasioni si susseguono una dietro l’altra: Guazzaroni da corta distanza non trova la porta, Greco proverà anche a tirare per due volte direttamente da calcio d’angolo, Vicaroni non imprime la forza giusta in un altro paio di occasioni, lo stesso Vicaroni serve poi Keita che colpisce il palo. Il terzo legno lo prende invece Bracaletti. E’ un assedio: in un altro paio di occasioni fa un figurone anche Kikkri e a dieci dal termine la mischia in area con i tentativi di Keita e Guazzaroni da due passi fa carambolare la palla nei pressi della linea, ma senza che riuscisse ad entrare: quasi una maledizione.

Al triplice fischio il Castiglione del Lago esulta come per una vittoria. L’Orvietana resta prima, vede avvicinarsi la Narnese a -4, mentre il terzo posto è a -8 e la sesta, ovvero la prima fuori dalla zona playoff, si trova a -10. I ragazzi di Ciccone dopo 10 giornate hanno il miglior attacco, la miglior difesa e sono l’unica squadra del campionato imbattuta. Tutti numeri eccezionali, ma che se ricalcolati al netto di una vittoria mancata dopo tante occasioni, avrebbero forse potuto assumere un significato ancora più concreto.

CLASSIFICA

Orvietana 26

Narnese 22

Branca 18

V.A. Sansepolcro 16

Lama 16

Cast. Lago 16

Pontevalleceppi 16

M. Martana 16

Gualdo Cas. 15

Castel del Piano 13

Bastia 12

Ellera 12

S. Sisto 11

Ducato Sp. 9

Ol. Thyrus 8

Angelana 8

F. Assisi Subasio 7

Nestor 4

PROSSIMO TURNO, 11 giornata: domenica 24 ottobre ore 15.00

Bastia – Cast. Lago

Branca – Pontevalleceppi

Ducato S. – C. Piano

Ellera – Angelana

F.AssisiSubasio – Ol. Thyrus

M. Martana – Lama

Nestor – S. Sisto              

Orvietana – Gualdo Cas.

V.A.Sansepolcro – Narnese

post

Comincia con due clean sheets la stagione delle giovanili

Vittorie sia per l’Under 19 che per l’Under 17.

Nel fine settimana sono iniziate le gare dell’agonistica del settore giovanile biancorosso. Prima gara ufficiale dunque per juniores under 19 e allievi under 17 nei rispettivi massimi campionati regionali. I giovanissimi under 15 dovranno invece attendere ancora per esordire.

Sabato gli Under 19 hanno ottenuto una vittoria a Terni contro l’Olympia Thyrus San Valentino per 2-0 grazie alle reti di Baci e Valeo, mentre domenica mattina si è concretizzata la vittoria casalinga per 3-0 dell’Under 17 contro la Pontevecchio, ad andare in gol sono stati Albani su rigore, Scopigno e Piombarolo.

Nel prossimo weekend la Juniores giocherà in casa contro il Petrignano, gli Allievi si recheranno a Castel del Piano. Inizia anche il campionato Giovanissimi Under 15 A2, ma l’Orvietana nella prima giornata effettuerà un turno di riposo, l’esordio ci sarà il 10 ottobre sul campo dei folignati della C4.

Nella foto l’ingresso in campo dell’Under 17 contro la Pontevecchio

post

Orvietana: torna Carmine Frola, ecco le prime amichevoli

Il portiere classe 2000 di nuovo in biancorosso, sabato la sfida alla Lazio primavera.

Torna ad Orvieto Carmine Frola, il portiere, classe 2000, che era già in maglia biancorossa durante tutta la stagione 2017/18. Un ragazzo che aveva lasciato ottimi ricordi, sia in campo che fuori, per cui la ricerca di un altro portiere per allungare la rosa si è facilmente indirizzata verso il suo nome e Carmine ha accettato di tornare ad Orvieto senza indugi.

Queste intanto le prime amichevoli, la società si riserva di informare successivamente se sarà possibile l’accesso del pubblico e con quali modalità:

Mercoledì 4 Agosto a Promano (PG) ore 18 contro la locale squadra della frazione di Città di Castello, partecipante al campionato di 1° categoria.

Sabato 7 agosto a Celleno (VT) ore 18 contro la primavera della Lazio, che sta svolgendo la preparazione proprio negli impianti sportivi della località viterbese.

Martedì 10 a Terni ore 18, contro il Campitello, squadra di Promozione.

post

Flavioni e R. Perquoti confermati, attesa per i colpi di mercato

Via della preparazione prevista per il 24 luglio. Arcipreti “A breve arriveranno nomi importanti”.

Nella settimana che porterà al via della stagione con il raduno previsto per sabato 24, arrivano altre due conferme. Si tratta del portiere Riccardo Perquoti (‘97) e del difensore Francesco Flavioni (’97) che era stato uno dei neo acquisti della scorsa annata. Proseguono intanto i contatti con gli altri protagonisti delle ultime stagioni, soprattutto gli orvietani, che a breve potrebbero allungare l’elenco dei confermati.

Nel frattempo il dg Arcipreti, in collaborazione con Cioci e Ciccone, sta per chiudere i colpi di mercato che andranno a costituire l’ossatura della squadra: due difensori centrali, un centrocampista e una punta.

Arcipreti ancora non ufficializza i nomi, che sembrano però veramente ad un passo dalla firma, ma fa capire i profili ricercati: “Saranno tutti acquisti di grande valore e di categoria, o anche di categoria superiore, stiamo per chiudere su nomi importanti che hanno dimostrato anche nel recentissimo passato di essere dei grandi giocatori”. Ancora qualche ora di pazienza e poi saranno ufficializzati.

Intanto come detto è stata fissata la data del raduno: al Muzi a partire da sabato 24 luglio, la stagione infatti inizierà già il 22 agosto con la prima gara di coppa Italia.

post

Si riparte con Arcipreti dg, Cioci ds e Ciccone allenatore

Biagioli: “la molla che ha fatto ripartire tutto è stato l’accordo con l’Orvieto FC sul settore giovanile, per la prima squadra faremo le cose in linea con le ultime stagioni”.

Dopo un periodo di silenzio il presidente Roberto Biagioli svela il futuro dell’Orvietana Calcio. Si riparte dopo non poche difficoltà, ma il presidente rinnova entusiasmo per la nuova stagione non dimenticando i nodi che ancora sono da risolvere:

“Come al solito mi sarei aspettato un aiuto maggiore da parte della città, capisco il periodo difficile ma alla fine se ripartiamo è grazie a nuovi sponsor che non sono locali e che scoprirete quando inizierà la stagione, la società resta solida e piena di entusiasmo, ma la vera molla che mi ha spinto a ripartire è stata la stretta di mano con il presidente Lorenzotti dell’Orvieto Fc con il quale abbiamo deciso di unire le forze del settore giovanile, una scelta questa che potenzierà entrambe le società”.

Il lavoro dei due presidenti, Biagioli e Lorenzotti, vedrà i suoi frutti a settembre per cui tutti i ruoli e l’organigramma delle giovanili saranno definiti in un secondo momento, anche se c’è da registrare il ritorno in questo settore di Giuseppe Olimpieri.

Più stretti i tempi per la prima squadra, già la settimana prossima ci sta da formalizzare l’iscrizione

“Quest’anno – continua Biagioli – se non altro l’iscrizione è già pagata, ma la burocrazia ci impone comunque impegni. Dobbiamo comunicare il campo di gioco, è sempre stata una formalità, spero lo sia anche ora, ma certo che dopo che la convenzione scaduta a dicembre e non rinnovata, non vorrei che ci siano sorprese, ma credo di no. Ho dato un’occhiata anche alle condizioni del Muzi, non lo hanno nemmeno concimato, come al solito dovrò rimetterci mano di persona!”.

Passiamo alle decisioni tecniche…

“La novità è il ritorno ad Orvieto di Alvaro Arcipreti, sono passati molti anni qui ha sempre fatto bene e i rapporti non si sono mai interrotti, credo che non ci fosse scelta migliore e lui ha accettato con entusiasmo sarà direttore generale, confermati invece Giuliano Cioci come direttore sportivo e Gianfranco Ciccone come allenatore. Gianfranco credo che continuerà a lavorare con tutto il suo staff, ma magari ve lo confermerà lui di persona fra qualche giorno, dopo gli incontri con Alvaro e Giuliano. Mentre in segreteria torna Massimo Porcari al posto di Gaetano Politella, che ringrazio”.

Possiamo già pensare a che squadra verrà allestita?

“Ci penserà lo staff tecnico, ma chiaro che partiremo dai nostri ragazzi, dai nostri fuoriquota e priorità avranno i giocatori che erano qua lo scorso anno, poi ovvio che saranno Alvaro, Giuliano e Gianfranco a scegliere i giocatori, purtroppo la pandemia ha interrotto una stagione stupenda dove eravamo tra le prime e non ha fatto iniziare un’altra annata nella quale c’erano le prospettive per fare altrettanto bene, credo comunque che continueremo ad essere protagonisti”.