post

E’ Giuliano Cioci il nuovo direttore sportivo

Aveva già ricoperto in passato questo incarico ad Orvieto.

Giuliano Cioci, indiscusso signore del gol con 367 reti segnate in carriera, è ufficialmente il nuovo Direttore Sportivo dell’Orvietana Calcio. A lui il compito, insieme al tecnico Gianfranco Ciccone, di sistemare la rosa e dare il via alla stagione. Giuliano aveva già ricoperto questo incarico alcune stagioni fa all’Orvietana.

post

Sarà Alessandro Cavalli ad allenare l’Under 19 A1

Ritorno in biancorosso per il tecnico che sarà a guida anche dell’area tecnica del settore giovanile

L’Orvietana Calcio dà il bentornato ad Alessandro Cavalli. Al tecnico, che aveva già guidato alcune stagioni fa la prima squadra, viene affidata la panchina della Juniores, che disputerà il Campionato Regionale A1. Certi delle qualità professionali e umane, la società chiude il cerchio affidando al mister anche la guida dell’area tecnica di settore giovanile e della scuola calcio. Un doppio incarico che dimostra la stima e la fiducia nella competenza e nell’indiscussa professionalità del tecnico.

post

Si rafforza il parco giovani all’Orvietana: ecco Panico e Shalabi

Si tratta degli ultimi acquisti dell’ormai ex ds Iaccarino.


L’Orvietana Calcio dà il benvenuto ad Luca Panico e Ayman Shalabi, (nella foto) entrambi provenienti dal settore giovanile dell’Acilia Calcio. Centrocampista classe 2001 il primo, attaccante classe 2002 il secondo, arrivano a rinforzare l’organico della Juniores, e si uniranno al gruppo degli under che in preparazione saranno aggregati alla prima squadra.

Prima delle sue dimissioni il ds Iaccarino li aveva così presentati: “Shalabi è un esterno destro d’attacco molto potente e tecnico con una ventina di presenze già all’attivo nel campionato di promozione laziale.Panico è il classico centrocampista di copertura con ottime doti organizzative e spiccato senso tattico”.

post

Il presidente Biagioli accetta le dimissioni del ds Iaccarino

Confermate le diverse vedute. La società ringrazia Iaccarino.

Il presidente dell’Orvietana calcio Roberto Biagioli, dopo dovute riflessioni, ha accettato le dimissioni del direttore sportivo Francesco Iaccarino che erano giunte al termine di una riunione svoltasi lunedì 21 luglio. Iaccarino aveva comunicato le proprie dimissioni affidando ai social il seguente comunicato:

“Da lunedì sera non sono più il direttore sportivo dell’Orvietana. La linea societaria è differente dal mio modo di vivere ed appassionarmi al calcio, quindi, nel ringraziare il presidente per l’opportunità concessami, preferisco lasciare l’incarico di Direttore Sportivo”.

Il presidente Biagioli, confermando le linee differenti espresse da Iaccarino, ha quindi accettato le sue dimissioni, ringraziandolo per l’impegno dimostrato.

post

Anche Eridion Dida al Bangor City, Simoncini al Notaresco (D)

Huco Colace e Riccardo Pellegrino convincono il centrocampista a raggiungerli in Galles.

Settimana di saluti in casa Orvietana, dopo l’accordo di Francesco Simoncini (2002) con il club di Serie D abbruzzese Notaresco, arriva la firma per Eridion Dida con il Bangor City Fc, società professionistica gallese dove qualche settimana fa era arrivato Riccardo Pellegrino, ex responsabile tecnico del settore giovanile biancorosso. Pellegrino, come abbiamo già avuto modo di ricordare, sarà il secondo di un’altra conoscenza orvietana: Hugo Colace che rivestirà il ruolo di allenatore. Colace e Dida (nella foto) hanno giocato insieme a centrocampo nella seconda parte della stagione 2018/19 qui ad Orvieto.

L’Orvietana augura a Francesco e ad Eridion le migliori soddisfazioni personali per i loro nuovi impegni sportivi.

post

Orvietana premiata dalla FIGC per la valorizzazione dei giovani

3° posto, anche grazie alla disciplina, dietro ad Assisi e Spoleto: 3000 euro di premio.

L’Orvietana, oltre ad aver chiuso al 4° posto in classifica generale al momento dell’interruzione della stagione, vanta anche il 2° posto, dietro al Lama, nella coppa disciplina e si aggiudica il 3° premio (di 3000 euro) per l’utilizzo dei giovani (in eccedenza rispetto a quelli obbligatori per regolamento).

Tutti dati che certificano l’ottima stagione appena conclusasi, in piena zona playoff, con un minimo di sanzioni disciplinari e l’uso dei giovani in prima squadra: solo Assisi e Spoleto hanno fatto meglio (premi di 9000 e 6000 euro rispettivamente), esclusa dalla classifica l’Angelana (che sarebbe stata sopra l’Orvietana) e l’Ellera (pari merito) perché classificatesi tra le ultime 4. Ducato, Castel del Piano e San Sisto, altre a pari merito per l’impiego dei giovani, sono risultate dietro in classifica ai biancorossi per la peggior posizione in coppa disciplina.

post

Anche Mattia Vicaroni in biancorosso

L’ex Cannara classe 1998, con presenze anche nei pro, arricchirà l’attacco di Ciccone.

Ancora un tassello nella definizione della rosa della nuova Orvietana 2020/21, è arrivato infatti l’accordo con il marscianese Mattia Vicaroni, 22 anni, giocatore che può ricoprire più ruoli nella fase di attacco. Mattia è cresciuto nelle giovanili del Perugia, con cui è arrivato fino al campionato Primavera dove vanta 54 presenze e 7 reti, la  scorsa stagione la ha vissuta a Cannara in Serie D e in precedenza in C con Triestina e Siracusa.

post

Riccardo Pellegrino firma il suo primo contratto da pro con i gallesi del Bangor City Fc

Sarà il secondo di Hugo Colace, alla sua prima esperienza da allenatore.

I saluti erano arrivati, via social, ormai da qualche giorno. Dopo 4 stagioni come responsabile del settore giovanile agonistico dell’Orvietana, Riccardo Pellegrino vola verso altri lidi. Un’occasione che non si è lasciato certo sfuggire, per aumentare l’esperienza del suo già ricco bagaglio culturale calcistico, ma anche per la possibilità di seguire una stimolante avventura.

E’ arrivata infatti per lui la chiamata da parte di una società professionistica gallese, il Bangor City Fc che disputa il campionato professionistico di seconda divisione. Una chiamata che sembra arrivare da lontano, ma che invece arriva da vicino visto che a volerlo come suo allenatore in seconda è stato quell’Hugo Colace che i tifosi orvietani ricorderanno due stagioni fa in maglia biancorossa.

Riccardo, hai già avuto modo di salutare e ringraziare tutti (a fondo articolo riportiamo le tue parole sui social di qualche giorno fa), ma raccontaci come è arrivata per te questa possibilità a cui non hai saputo rinunciare.

“Come hai ricordato tu è grazie alla profonda stima ed amicizia che mi lega ad Hugo Colace, lo conobbi in maniera piuttosto casuale in una cena in Calabria, capimmo subito che vedevamo il calcio con occhi simili. Quando Fiorucci cercava un centrocampista di esperienza consigliai il suo nome e venne ad Orvieto, ora è stato lui a consigliare il mio nome per questo ruolo. Hugo ha disputato parte dell’ultima stagione proprio con questa società, che si è piazzata al 4° posto, ed ora ha deciso di smettere con il calcio giocato e di iniziare ad allenare”.

Per te si tratta del primo contratto da professionista.

“L’occasione era da prendere al volo, anche se come ho spiegato non è mai facile voltare pagina dopo quattro anni intensi, dove ho imparato molto e ho conosciuto tante persone, tanti ragazzi e ho raccolto molte esperienze che mi hanno anche consentito di sentirmi pronto a questa nuova avventura. Ho un contratto per un anno rinnovabile, è un’esperienza che voglio fare, consapevole di andarmi a confrontare con una realtà diversa, anche con una mentalità diversa. So che la società è ambiziosa vuole provare a disputare un campionato importante, gli stimoli insomma non mancano”.

Un’esperienza all’estero a due passi da quell’Inghilterra che forse oggi è l’Eldorado del calcio, un po’ come accadeva qui in Italia 35 anni fa…

“Intanto pensiamo al campionato gallese! Poi chissà, ma ripeto che la possibilità di confrontarmi in una realtà professionistica e contemporaneamente fare un’esperienza internazionale è qualcosa che mi stimola, poi in squadra avremo oltre che diversi giocatori locali, anche argentini, brasiliani ma anche qualche italiano, quindi non avrò certo problemi di ambientamento. Anche perché con Hugo Colace siamo molto amici e so di contare su una persona di fiducia!”.

A Riccardo vanno i nostri migliori in bocca al lupo, a nome di tutta la società, chissà che le strade non possano un giorno riallacciarsi.

Di seguito le parole con cui Riccardo Pellegrino ha salutato tutti sui social:

Buonasera ragazzi vi scrivo questo post per ringraziarvi di cuore per tutto quello che avete fatto per me! È stata una scelta molto dura seppur da confermare come una decisione serena, consapevole e priva di rimpianti.

Resta chiaramente il dispiacere di separarmi “calcisticamente” da molte persone cui sono legato ma che comunque rimarranno sempre amici.

Voglio ringraziare l’ambiente Orvietana Calcio, permettendomi di vivere questa esperienza oltre ad avermi insegnato tanto.

Credo assolutamente che i valori umani anche nello sport come nella vita vadano oltre ogni aspetto tecnico.

Rimarranno dentro di me i bei ricordi di questi 4 anni passati con voi ragazzi e genitori, con ogni singolo allenatore, dirigente e giocatore, dalla prima squadra fino ai più piccolini, non dimenticherò mai i successi raggiunti con il settore giovanile e la scuola calcio iniziati per la Società qualche anno e sono sicuro che dureranno per molti anni ancora!!

Abbiamo sofferto tutti insieme per ottenere il pass per i migliori campionati Umbri, raggiungendo vittorie, ma soprattutto una crescita esponenziale di tutti i ragazzi che fanno parte di questa bellissima Famiglia. Arrivare a questi successi con il settore giovanile e la scuola calcio ha un valore inestimabile.

Ho fatto il tifo e tiferò sempre tutti i ragazzi dal più piccolo al più grande che veste e ha vestito la nostra maglia. Ognuno di voi ha contribuito a migliorarmi quotidianamente, questo per me è il più bel regalo che la vita ha potuto farmi!! Grazie di cuore, Con affetto Riccardo.

post

Confermati anche A. Keita e M. Annibaldi

Altre conferme per i giocatori della rosa dello scorso anno: firmano il giovane esterno e il difensore centrale.

Il ds Francesco Iaccarino, in accordo con lo staff tecnico, in primis l’allenatore Gianfranco Ciccone, ha raggiunto l’accordo per la permanenza in biancorosso con Aboubacar Keita, l’esterno classe 2002 che la stagione appena passata ha collezionato 20 presenze sulle 23 partite disputate con un gol messo a segno (più altre 2 reti in coppa) e con Marco Annibaldi, classe 1993, difensore che vestirà la maglia biancorossa per il terzo anno consecutivo.

post

Andrea Bracaletti in maglia biancorossa

Torna a 37 anni dopo una carriera con quasi 500 presenze tra i professionisti.

La notizia che da tempo sognavamo di dare. Andrea Bracaletti è ufficialmente un giocatore dell’Orvietana Calcio. Con immenso piacere mister Ciccone e il direttore sportivo Francesco Iaccarino annunciano di aver trovato l’accordo col giocatore.

Nato il 17 gennaio 1983 a Orvieto, trequartista ed esterno d’attacco, di piede destro, Andrea  vanta 493 presenze tra i professionisti.

Partito dalla cantera dell’Orvietana Calcio, passa appena a 16 anni alla primavera del Genoa, dove colleziona anche 4 panchine in serie B con la prima squadra. Quindi Serie B con Cesena ed Avellino, C1 con le maglie del Sassuolo (con Massimiliano Allegri allenatore), Spal, Cassino, Feralpisalò (nella foto) e Triestina. Da ricordare anche le due presenze nei preliminari di Europa League con i dilettanti de La Fiorita. Andrea nell’ultima stagione vestiva invece la maglia della Calvina Sport in Serie D.