post

Il cordoglio dell’Orvietana per la scomparsa di Gino Mosconi

Il presidente Roberto Biagioli e l’Orvietana Calcio in ogni sua componente, si unisce al cordoglio della famiglia Mosconi, vicini nel dolore per la scomparsa dell’amico Gino (nella foto by OrvietoSport nel corso di una premiazione).
Vicino all’Orvietana sin dai primi anni della nascita della sua ” Federico Mosconi”, ha orgogliosamente seguito il nipote Filippo su tutti i campi dell’Umbria nello scorso campionato d’eccellenza.
Il tuo ricordo e la tua amicizia resterenno nella storia biancorossa… ti sia lieve la terra, caro Gino.

post

Comunicato Ufficiale: stop fino al 3 Aprile, annullata fase nazionale Juniores, nuove date spareggi Eccellenza

Tutte le attività dilettantistiche ferme fino a venerdì 3 aprile. L’Orvietana sceglie programma di allenamenti individuali.

Comunicato Lega Nazionale Dilettanti:

  • Tutti i campionati dilettantistici, dalla serie D alle categorie giovanili resteranno fermi fino a venerdì 3 aprile.
  • Tutte le sedi della LND restano chiuse fino al 15 marzo per la sanificazione dei locali.
  • Rinviato il Torneo delle Regioni di calcio a cinque (in programma in Veneto dal 3 al 10 aprile).
  • Annullata la fase nazionale del campionato Juniores Regionale. Pertanto, in via straordinaria e per la sola stagione sportiva attuale, tale attività dovrà ritenersi definitivamente conclusa al termine delle Fasi Regionali
  • Rimodulate le date degli spareggi nazionali per le promozione in Serie D tra le seconde (o le vincenti playoff) di Eccellenza (salvo successivi necessari ulteriori provvedimenti): Semifinali: 31 maggio e 3 giugno; finali: 7 giugno e 14 giugno.
  • Termine ultimo in cui i comitati regionali devono comunicare le seconde classificate in Eccellenza (o le vincenti playoff regionali): 25 maggio.

Comunicato Orvietana calcio:

Visto l’evolversi della situazione sulla diffusione del Covid19, e vista la sospensione di tutti i campionati decisa ora dalla LND fino al 3 aprile, da oggi fino a data da destinarsi tutte le attività dell’Orvietana Calcio, compresa prima squadra, verranno sospese. Ai giocatori è già stato personalizzato un programma di allenamento individuale, che svolgeranno in autonomia. Invitando tutti i nostri atleti a rispettare le indicazioni in merito alla prevenzione della diffusione del virus, restiamo a disposizione di tutti per informazioni e chiarimenti.

.

post

Il Comitato Regionale Umbro sospende tutte le attività fino al 15 marzo compreso

L’Orvietana calcio aveva comunque deciso di sospendere le attività in via precauzionale.

Il Comitato Regionale Umbria, tenuto conto dell’evoluzione negativa in relazione al coronavirus Covid 19 resa nota dagli Enti Nazionali e Regionali preposti, preso atto del Decreto emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 04 Marzo 2020 e ritenendo necessario dare priorità alla salute di tutti i propri tesserati

D E L I B E R A

la sospensione di tutte le attività regionali e provinciali dilettantistiche e di Settore Giovanile e Scolastico, programmate dal Comitato Regionale Umbria e dalle sue articolazioni periferiche, fino al giorno 15 Marzo 2020.

Se non verrà comunicato diversamente, i campionati siltteranno così di due settimane e l’attitivà dovrebbe riprendere lunedì 16 marzo e le gare successive, fino al 3 aprile, come da disposizione governativa, si giocheranno a porte chiuse.

Se la decisione non verrà cambiata il campionato di Eccellenza, si chiuderebbe domenica 3 maggio anziché domenica 19 aprile.

L’Orvietana Calcio aveva già preso la decisione, prima della comunicazione ufficiale da parte della FIGC, avendo a cuore la salute dei propri ragazzi, tecnici e dirigenti, in via preventiva di SOSPENDERE le attività sportive (allenamenti e partite).

post

L’intervista della settimana: Raffaele Cotigni

Il centrocampista orvietano, per il quinto anno protagonista in prima squadra, dà la carica per il rush finale del campionato.

Dopo una settimana di sosta, riparte il campionato con l’Orvietana impegnata a Città di Castello contro la capolista Tiferno. Gara anticipata a sabato. Tutti i verdetti sono ancora da scrivere e ogni partita può ridefinire il finale di stagione. Ne parliamo con Raffaele Cotigni.

 

E’ arrivato il momento decisivo della stagione e l’Orvietana si presenta tra le protagoniste, la sosta è servita o forse era meglio non fermarsi?

“Visto il momento di forma, forse sarebbe stato meglio non fermarsi. La gara contro il Sansepolcro è stata una delle nostre migliori affermazioni e ci ha dato carica, ma ci siamo allenati bene in questo periodo e siamo pronti a ripartire con la voglia di dare il meglio per lottare nelle zone alte della classifica”.

Uno dei punti di forza di questa squadra è la rosa più numerosa rispetto alle scorse stagioni, spesso infatti Fiorucci ha vinto partite pescando dalla panchina, ma per voi calciatori vuol dire meno certezza del posto da titolare, è un aspetto che ti pesa?

“Io penso che la concorrenza faccia sempre bene, devi avere massima concentrazione e attenzione ai dettagli, ovvio che giocare di meno un po’ dispiace, ma avere la rosa ampia è appunto un punto di forza, è ciò che ci consente di essere tra i protagonisti e quindi di vivere una stagione con maggiori soddisfazioni ed emozioni”.

Sei stato in campo sia nella bella vittoria contro il Sansepolcro, sia nella inattesa sconfitta ad Ellera, ma come ti spieghi questa differenza di prestazioni nel giro di pochi giorni?

“E’ una questione di motivazioni, forse ad Ellera abbiamo un po’ preso sottogamba la partita, anche se eravamo partiti bene, siamo anche stati poco fortunati nel primo tempo. Invece con il Sansepolcro gli stimoli non sono mancati, il gruppo è stato unito tutta la settimana con la voglia di rifarci e i risultati si sono visti”.

A proposito di stimoli, sabato si va a giocare contro la capolista, già battuta all’andata, una gara che potrebbe aprire nuovi orizzonti per il finale di stagione

“Stiamo cercando di marciare uniti come prima della gara contro il Sansepolcro, avremo di fronte un avversario forte, ma anche la possibilità di fare un bel balzo in classifica. Servirà determinazione, ma non ci manca. Comunque andranno le cose, il finale di stagione sarà lo stesso molto impegnativo ed interessante”.

 

E’ la tua prima stagione da senior, forse è ancora presto per un bilancio, ma che impressioni hai? E quali speranze per il futuro?

“E’ la quinta stagione in prima squadra, la prima da senior. Come dicevo prima un po’ pesa il fatto di indossare meno maglie da titolare, all’inizio questo aspetto mi aveva tolto qualche certezza, ma ora con personalità ne sto venendo fuori. Anche perché lavorando a Orvieto mi vedo come calciatore sempre in queste zone anche in futuro. In questi anni sono migliorato tatticamente e nel modo di gestire la palla, questo grazie ai diversi allenatori e ai compagni esperti che ho avuto accanto in queste esperienze. Ho sempre giocato a centrocampo da quando sono in prima squadra, ma nelle giovanili giocavo in attacco, ma mi sono da subito trovato bene e i diversi allenatori che si sono succeduti, mi hanno sempre confermato in quello che ormai è divenuto il mio ruolo”.

post

L’intervista della settimana: Junior F. Matuzalem

Il giovane classe 2001 figlio d’arte sogna l’esordio in prima squadra ed è protagonista nella Juniores.

Arrivato a dicembre in maglia biancorossa, Junior Francelino da Silva Matuzalem ha già avuto modo di mettersi in mostra nella formazione Under 19 che lotta per vincere il campionato ed ha collezionato per ora solo panchine in prima squadra. Difensore centrale, figlio del centrocampista brasiliano che ha indossato le maglie, tra le altre, di Parma, Napoli e Lazio, prima di chiudere la carriera all’estero, proviene dal Monterosi.

Nato e cresciuto in una famiglia dove il calcio ha sempre regnato sovrano, non potevi che finire in campo anche tu.

“E’ stato inevitabile, sono nato qui in Italia quando mio padre era a Piacenza, lui mi ha sempre invogliato, seguito ed aiutato, poi ha scelto di andare all’estero, ma quando io ero agli Allievi del Monterosi, ho voluto che tornasse in Italia e venisse nella stessa società dove giocavo”.

E come sei finito all’Orvietana?

“Ho iniziato questa stagione nella Juniores sempre a Monterosi, poi il mio allenatore mi ha detto che c’era l’interesse dell’Orvietana, abbiamo parlato con Severino Capretti e ho accettato il trasferimento lo scorso dicembre. Qui ho trovato un bell’ambiente, mi alleno sia con la prima squadra che con la Juniores, sono due gruppi fantastici, siamo quasi una famiglia. Gli stimoli non mancano visto che entrambe le squadre lottano per il vertice, il mio sogno è di esordire in prima squadra”.

Intanto sei protagonista nell’Under 19, ricordaci il tuo ruolo e come stanno andando le cose

“Io sono un difensore centrale, ma posso giocare anche davanti alla difesa. Nella Juniores le cose vanno bene, ho anche segnato due gol, ho trovato molti amici e andiamo d’accordo anche fuori del campo. Ora arriva un mese decisivo, non possiamo distrarci. Devo dire che ci sono tanti compagni forti nella Juniores e che possono avere un bel futuro”.

Sebbene non sia ancora arrivato l’esordio in prima squadra, fare parte del gruppo di Fiorucci è comunque un’esperienza nuova per te

“E’ la prima volta per me in una formazione principale. Ero abituato ad allenarmi solo con coetanei, quindi questa esperienza è una piacevole novità. Ci sono tanti giocatori forti, vorrei avere per esempio l’esperienza di Annibaldi o la visione di gioco di Bernardini o ancora la tecnica di Bertino, ma in realtà tutti hanno caratteristiche che mi hanno impressionato e che mi piacerebbe far mie, l’elenco sarebbe lungo non voglio fare torti a nessuno! Anche qui la speranza è di qualificarci ai playoff e magari chissà fare pure strada, ci sta anche qualche scommessa in ballo nello spogliatoio, ma meglio non dirla! Speriamo che possa riuscire ad esordire, certo che con una delle migliori difese del campionato e con giocatori così forti ed esperti, sarà difficile trovare spazio, ma ci voglio sperare!”.

 

 

post

Pronto riscatto Orvietana: vince e supera in classifica il Sansepolcro

Danieli scatenato nel primo tempo, gran gol e tante altre occasioni. Ospiti mai pericolosi.

C’era da riscattare la brutta sconfitta di una settimana prima e il Sansepolcro, se da una parte poteva rappresentare l’avversario giusto per dimostrare che ad Ellera era stato solo un inciampo, dall’altra non sembrava nemmeno il cliente migliore da ospitare. Ma al termine della gara si sono contati a mala pena un paio di tentativi dei bianconeri verso la porta difesa da Beccaceci, mentre dalla parte opposta il numero uno biturgense è stato protagonista di almeno tre parate decisive. La gara registra anche il ritorno al gol di Danieli (non segnava da 7 partite) e purtroppo un nuovo infortunio per Idromela che, dopo aver giocato tanti sprazzi di gare nei mesi scorsi, finalmente tornava a giocare da titolare, ma purtroppo ha dovuto di nuovo fermarsi.

Fiorucci ha tutti a disposizione e l’unica novità nell’undici di partenza è appunto Idromela al posto di Dida. Bonura invece ha mezza difesa fuori per infortuni e squalifiche e si presenta con un 4-2-3-1 dove Zuppardo è terminale offensivo con dietro D’Urso.

I punti in palio sono pesantissimi, la zona alta della classifica è a dir poco affollata. Primo quarto d’ora che passa senza brividi, molti palloni lottati a centrocampo, tra i padroni di casa si nota la fisicità di Danieli, la continua mobilità di Keita e la perfetta interpretazione della fase difensiva. Ma i portieri stanno a guardare.

Il primo affondo porta al gol che risulterà decisivo: ennesima lotta sulla mediana, dove resta a terra un giocatore ospite, il pallone viene lanciato lungo per Danieli che supera i centrali difensivi e gonfia la rete.

Il Sansepolcro non reagisce e rischia di capitolare altre due volte nel giro di pochi minuti, sempre con Danieli protagonista. Prima la punta di casa vince un contrasto con Arcaleni, si presenta in area e trova un diagonale che sembra vincente, non fosse per lo scatto di reni di Cristofoletti che manda in angolo, poi sempre Danieli, entra da posizione defilata e ancora si vede parare la sua conclusione in corner. Intanto Cotigni sostituisce lo sfortunato Idromela.

L’unica risposta degli ospiti arriva nel lungo recupero di fine primo tempo: scatto di Zuppardo che entra in area dal lato corto, ma il suo tiro è debole e para Beccacci. Il primo tempo si chiude con i difensori di casa che non hanno mai fatto vedere palla agli avversari.

Anche il secondo tempo inizia con gioco spezzettato e poco manovrato, ma il Sansepolcro si fa vedere dopo dieci minuti: Annibaldi sbroglia di testa l’ennesimo pallone in area, ma la palla arriva al limite dove Benedetti ha tutto il tempo e lo spazio per tirare, ma la mira è sbagliata. Per quasi mezz’ora non si assisterà ad altri tiri in porta. La manovra ospite è confusa e l’Orvietana non fa fatica a tenere lontani gli avversari dalla propria area, ma davanti non riesce a pungere. A metà ripresa Bonura mette dentro Scarselli per Lomarini, Fiorucci dal canto suo inserisce prima Locchi per Colangelo, quindi Chiumarulo per Danieli. Il Sansepolcro ora lascia ampi spazi e l’Orvietana potrebbe chiudere i conti a dieci dal termine, quando si vede Keita cadere in area a pochi passi dalla linea di porta, l’azione continua e alla fine trova il tiro Bertino, ma spara alto. Passano 5 minuti e una bella triangolazione Paletta – Cotigini, porta il numero 2 di casa ad avere il pallone per il 2-0, ma ancora una volta Cristofoletti si oppone. Gli ospiti continuano a non riuscire ad imbastire un’azione d’attacco pericolosa e l’Orvietana trova così tre punti che li riporta in zona playoff.

Ora il campionato sarà fermo una settimana, al rientro è in programma la trasferta sul campo della Tiferno capolista.

Queste le parole di Silvano Fiorucci a fine gara:

“Dovevamo riscattarci ci siamo riusciti, in settimana abbiamo lavorato bene, abbiamo capito gli errori fatti e abbiamo reagito, non è mai facile ma non possiamo permetterci di regalare nulla a nessuno, vista la complessità di questo campionato. Abbiamo finalmente raggiunto gli stessi punti dello scorso anno, con 7 giornate di anticipo, quindi il primo obiettivo è stato raggiunto. Ci sta da lottare perché la classifica è corta e ogni settimana puoi avvicinarti in vetta o uscire dalle prime cinque, il segreto sta nel non guardare la classifica oggi, ma di cercare continuità e poi la guarderemo l’ultima giornata”.

ORVIETANA – V. A. SANSEPOLCRO 1-0

ORVIETANA (4-3-3): Beccaceci; Paletta, De Vitis, Annibaldi, Simoncini; Bernardini (45’st Dida), Idromela (36’pt Cotigni), Colangelo (19’st Locchi); Keita (41’st Lanzi), Danieli (33’st Chiumarulo), Bertino. A disp.: Kikkri, Bianco, Sulimani, Perquoti. All.: Fiorucci.

V.A. SANSEPOLCRO (4-2-3-1): Cristofoletti; Lomarini (21’st Scarselli), Arcaleni, Beers, Selvaggi; Benedetti (31’st Massai), Conti; Braccini, D’Urso, Mencagli; Zuppardo. A disp.: Manzi, Boriosi, Ligi, Burzigotti, Rossi, Brizi, Petruzzi. All.: Bonura.

ARBITRO: Reali di Foligno (Servili di Terni – Andreani di Terni).

MARCATORE: 18’pt Danieli.

NOTE: angoli: 4-1 per l’Orvietana; ammoniti: Beers, Braccini (S); Cotigni, Simoncini (O). Recupero: pt: 4’; st 4’.

CLASSIFICA: Tiferno 44; Spoleto 39; Narnese 38; Nestor e Orvietana 37; V.A. Sansepolcro e Trasimeno 35; Pontevalleceppi 33; Lama 32; San Sisto e Castel del Piano 29; Assisi Subasio 28; Ducato 27; Angelana 26; Gualdo Casacastalda 14; Ellera 11.

PROSSIMO TURNO (8 Marzo): Tiferno – Orvietana.

post

Settore giovanile: vincono tutte le formazioni agonistiche

Weekend perfetto per le giovanili che vedono migliorare le rispettive classifiche, prima della pausa dei campionati.

Successo netto dell’Under 19 sul campo dei ternani dell’Olimpya Thyrus S. Valentino. Grazie alla rete di Fattorini su rigore e la doppietta di Marsili (un penalty anche per lui), la Juniores tiene il passo del Sansepolcro, ormai all’ottava vittoria consecutiva.

Partita delicata e per nulla scontata quella dell’Under 17 che supera la Valdichiana 1-0, decisivo il rigore trasformato da Baci. In attesa del recupero della Narnese, i biancorossi tornano momentaneamente in zona salvezza. Portano a casa l’intera posta anche gli Under 15 contro la Bosico, la tripletta di Moracci firma il successo che vale l’inseguimento ai primi tre posti della classifica. Continua la serie positiva degli Under 14 (nella foto) che tornano dalla trasferta contro l’Olimpia Collepepe Pantalla con un successo per 1-0 a firma Cerquitelli: il recupero di giovedì prossimo in casa contro il Sangemini, potrebbe valere il primo posto in solitaria.

La settimana prossima i campionati si fermano, riprenderanno nel weeked 7-8 marzo.

Ecco nei dettagli risultati, classifiche e prossimi turni:

Under 19 A1, 23° giornata: OLYMPIA THYRUS S. VALENTINO – ORVIETANA 0-3. Marcatori per l’Orvietana: Fattorini (rig.), Marsili (2, 1rig.). Classifica: V. A. Sansepolcro 58 Orvietana 54; Narnese 40; Nestor 38; Campitello e Fontanelle 36; Petrignano 33; Ol. Thyrus S. Valentino 32; Ducato Spoleto 31; Pontevecchio 28; Baldaccio Bruni 26; Angelana 25; San Sisto 24; Gualdo Casacastalda 22; Castel del Piano 18; Casa del Diavolo 13. Prossimo turno: Orvietana – Fontanelle (7 marzo).

Under 17 A1, 21° giornata: ORVIETANA – VALDICHIANA UMBRA 1-0. Marcatori per l’Orvietana: Baci (rig.). Classifica: Campitello 46; Cannara 45; Angelana e Foligno 44; San Sisto 41; V.A. Sansepolcro * 38; Bastia 37; Sf Cast. del Lago 26; Terni Est 25; Castel del Piano  24; Orvietana 19; Narnese * 18; Atletico Gubbio 9; Valdichiana Umbra 0. Prossimo turno: Bastia – Orvietana (8 marzo).

Under 15 A2 gir. B, 21° giornata: PGS E. BOSICO – ORVIETANA 1-3. Marcatori per l’Orvietana: Moracci (3). Classifica: Vigor Nuova Gualdo Bastardo 50; Accademia Calcio Terni * 44; Julia Spello 42; Nestor e Orvietana 38; Bastia 37; Olympia Thyrus San Valentino 36; Olimpia Collepepe Pantalla * 32; Petrignano 30; Amerina 26; Giovanili Todi 18; Fulginium 15; PSG Bosico 5; Giov. Deruta San Nicolò 2. * una partita in meno. Prossimo turno: Orvietana – Petrignano (8 marzo).

Under 14 gir. C, 16° giornata: OLIMPIA COLLEPEPE PANTALLA – ORVIETANA 0-1. Marcatori per l’Orvietana: Cerquitelli. Classifica: Ternana 37; Orvietana * 35; Polisportiva Ternana 34; Amerina 31; Orvieto Fc 29; Narnese * e Ducato Spoleto 23; Giovanili Todi * 19; Olimpya Thyrus S. Valentino * 18; Nestor ** 17; Real Ducato Spoleto 16; Olimpia Collepepe Pantalla 14; Sangemini * 10; Campomaggio Collescipoli * / ** 3. *una partita in meno. **un punto di penalizzazione. Prossimo turno: Orvietana – Sangemini (recupero 15° giornata, giovedì 27 febbraio) .

post

Il programma del fine settimana

Al Muzi contro il Sansepolcro un playoff anticipato, in casa anche l’U17 contro la Valdichiana.

Per la prima squadra c’è da riscattare la sconfitta di Ellera, non sarà facile perché ad Orvieto arriverà una delle principali favorite del campionato: il Sansepolcro quarto in classifica. Sarà una sorta di playoff anticipato.

L’Under 19 sarà invece impegnata a Terni sabato contro l’Olympia Thyrus San Valentino, gioca in casa l’Under 17 domenica mattina quando arriverà all’antistadio Achilli la Valdichiana Umbra. Trasferte per entrambe le compagini dei Giovanissimi: l’Under 15 sul campo del Bosico e l’Under 14 contro l’Olimpia Collepepe Pantalla.

 

Questo il programma nel dettaglio:

 

Eccellenza, 23° giornata, domenica 23 febbraio ore 14.30: Orvietana – V. A. Sansepolcro

 

Under 19 A1, 23° giornata, sabato 22 febbraio ore 14.45: Olympia Thyrus San Valentino – Orvietana.

Under 17 A1, 21° giornata, domenica 23 febbraio ore 10.30: Orvietana – – Valdichiana Umbra.

Under 15 A2 gir. B, 21° giornata, domenica 23 febbraio ore 11.15: PGS E. Bosico – Orvietana.

Under 14 gir. C, 16° giornata, sabato 22 febbraio ore 15.00: Olimpia Collepepe Pantalla – Orvietana.

post

L’intervista della settimana: Francesco Simoncini

L’esterno classe 2002 è alla sua prima esperienza in prima squadra.

Francesco Simoncini, giovane esterno difensivo classe 2002, tornato ad Orvieto, dopo l’esperienza nella Valdichiana Umbra, non solo ha trovato subito spazio nella formazione Juniores Under 19 guidata da Riccardo Fatone, ma ha già collezionato anche 10 presenze in prima squadra.

Un ritorno a Orvieto ricco di soddisfazioni, te lo aspettavi di essere subito protagonista?

“Non mi aspettavo un così veloce passaggio in prima squadra, fin da agosto ho iniziato la preparazione, l’impegno non mi è mai mancato. Ho collezionato le prime presenze con la Juniores poi, anche per qualche infortunio tra chi già giocava in Eccellenza, sono riuscito ad esordire in prima squadra a metà novembre, ad oggi ho collezionato 10 presenze”.

Un ricordo del tuo esordio in prima squadra, in occasione della gara Orvietana – Gualdo, una vittoria in rimonta e subito ti sei fatto notare.

“Ricordo tanta emozione, era la prima volta che dovevo affrontare avversari anche più grandi di me e sicuramente più esperti, avevo la consapevolezza che dovevo dare il massimo, più di quanto facevo quando giocavo con i miei pari età. Per fortuna i compagni di reparto mi hanno aiutato, ma non solo i difensori, anche gli attaccanti che spesso tornano a darci una mano. Insomma emozione, sensazioni nuove, ma non certo paura”.

Ed infatti le tue prestazioni sono caratterizzate da grinta e nessuna paura nei contrasti, il carattere non sembra proprio mancarti.

“Non mi è mai mancato, anzi contro giocatori più forti ho cercato di tirare fuori ancora più grinta, come dicevo l’impegno non mi è mai mancato anche quando gioco nelle giovanili, ma magari in quei casi ho meno bisogno di essere grintoso. In prima squadra poi devo essere mentalmente più concentrato, anticipare i movimenti e questo mi porta ad essere più deciso”.

Domenica è arrivata una sconfitta inattesa, dopo un primo tempo dove invece sembrava che tutto potesse filare liscio, si è riusciti già a voltare pagina nello spogliatoio o qualche “tossina” è rimasta?

“C’è rammarico, ma bisogna guardare avanti. I punti persi non si recuperano più, quelli in ancora in palio possiamo invece ancora prenderli. Nello spogliatoio abbiamo già voltato pagina”.

Ora arriva un ciclo di partite tutte contro avversarie avanti in classifica: il Sansepolcro quarto, poi il Tiferno primo e quindi la Narnese seconda… pensi che sarà decisivo?

“Ormai sono tutte sfide decisive, all’andata abbiamo fatto 4 punti in questo trittico di partite, io non giocai nessuna di queste, ma ero in panchina e le ho viste tutte. Secondo me la squadra più forte è il Sansepolcro, mi impressionò perché sono molto veloci e dovremo tutti stare molto attenti”.

Intanto è arrivata anche la prima convocazione in rappresentativa…

“Mi sono trovato benissimo, anche se ero uno dei più giovani, in passato avevo dovuto saltare la chiamata quando giocavo negli Allievi per un infortunio, stavolta sono riuscito a partecipare. A Prepo ho incontrato anche molti avversari, soprattutto però di un anno più grandi di me, che mi sono già trovato di fronte in Eccellenza. Non so se potrò partecipare al Torneo delle Regioni, ma perché non sperarci!”.

post

L’Orvietana tira il freno a mano: sconfitta che costa cara ad Ellera

Primo tempo con 4 occasioni ghiotte sprecate, poi una disattenzione in avvio ripresa manda in confusione i biancorossi che non riescono a recuperare.

La classica partita trappola contro l’ultima in classifica, che prima di ora aveva vinto una sola partita su 21 disputate, frena l’Orvietana che si ritrova nella mischia della classifica al limite della zona playoff. E pensare che Fiorucci aveva di fatto potuto schierare l’undici tipo e che per tutto il primo tempo si è assistito ad una sorta di monologo biancorosso. La formazione iniziale è quella di una settimana fa, partono dunque gli stessi protagonisti che erano titolari contro l’Assisi. L’Orvietana tiene alta la squadra e dopo 20 minuti sfiora il gol: Danieli si ritrova sull’out di sinistra, conquista palla e crossa al centro dove Colangelo non ha avversari tra sé e il portiere. Il centrocampista colpisce di testa scegliendo una traiettoria angolata sul primo palo, lo scatto di Garbinesi è tempestivo per sventare un gol che sembrava fatto. Pochi minuti e il portiere di casa compie la seconda parata decisiva, stavolta è Paletta a crossare, Keita allunga per Danieli che da posizione centrale colpisce di testa, ma è ancora solo calcio d’angolo.

L’Orvietana sembra avere vita facile, pochi giri di orologio e Danieli viene servito in area da Bertino, ma il suo diagonale finisce di un soffio a lato. Sembra un assedio: passano solo due minuti e stavolta è Keita a fare il fenomeno, scatta via in corsa e supera in slalom tre avversari, ma ancora una volta a fare il figurone è il portiere che esce alla disperata e devia in angolo con il petto il tiro del numero 11 biancorosso.

Si va al riposo con la consapevolezza che è solo questione di tempo, la gara è del tutto in mano all’Orvietana che è mancata però di cinismo e cattiveria agonistica sottoporta. Ma al rientro dagli spogliatoi bastano una manciata di secondi per smentire tutto. L’Ellera rientra in campo con Finetti al posto di Venturi e il giovane classe 2002, dopo nemmeno un minuto, ripaga la scelta del tecnico. L’Orvietana perde due contrasti a centrocampo, Kiwobo esce palla al piede e avanza indisturbato, serve Finetti sulla sinistra, dimenticato da tutta la difesa biancorossa e il neo entrato, dopo una prima conclusione rimpallata, trova la traiettoria vincente che supera Beccaceci. Un gol che sembra una beffa al primo tiro in porta degli avversari, ma che manda in confusione l’Orvietana. Tutto diventa più complicato, Fiorucci passa al 3-5-2 inserendo Chiumarulo e Lanzi, per Colangelo e Keita. Ma il gioco non è più lineare come nel primo tempo e ora le ripartenze dell’Ellera rischiano di completare la beffa. Ancora una volta Kiwobo riesce in un coast to coast che spezza in due l’Orvietana, ma che non dà esito. Per quasi mezz’ora non si vedono più azioni pericolose, anzi è l’Ellera a sfiorare il raddoppio quando una girata di Ayina finisce sul palo a Beccaceci battuto.

Nel finale l’Orvietana sfiora però il pareggio: una punizione di Bertino supera la barriera e ci vuole un altro grande scatto di Garbinesi ad evitare il gol: per la terza volta il portiere di casa salva il risultato, con qualche giocatore biancorosso che chiede il gol per una possibile parata oltre la linea. Finisce con l’Orvietana avanti, ma senza più tiri in porta. La sconfitta viene pagata cara in termini di classifica: il Sansepolcro sorpassa, per gli scontri diretti con la pari classifica Nestor, al momento l’Orvietana sarebbe fuori dai playoff, inoltre Pontevalleceppi e Tiferno salgono a -2 insieme al Lama.

Queste le parole del tecnico Silvano Fiorucci al termine della gara:

“Nel calcio vince chi segna, noi abbiamo tirato in porta tante volte ma se non la mettiamo dentro alla fine non possiamo lamentarci se perdiamo. Il primo tempo poteva finire tre o quattro a zero, poi con una disattenzione clamorosa gli abbiamo regalato il gol. Ci è mancata cattiveria, questo campionato continua a regalare sorprese ogni domenica, oggi per noi è stata una brutta botta perché le premesse, soprattutto dopo quel primo tempo, erano altre. Guardiamo avanti e cercheremo di imparare la lezione”.

ELLERA-ORVIETANA 1-0

ELLERA (4-3-1-2): Garbinesi; Ramilli, Kiwobo, Mattia, Pilonetto; Venturi (1’st Finetti), Giorgini, Mariani; Pettinelli; Ayina (39’st Sammartino), Acatullo. A disp.: Rosignoli, Lentini, Guazzaroni, Magionami, Pero Nullo, Polidori, Fiorindi. All.: Fraschetti.

ORVIETANA (4-3-1-2): Beccaceci; Paletta (47’st Locchi), De Vitis, Annibaldi, Simoncini (47’st Sulimani); Bernardini (10’st Cotigni), Dida, Colangelo (19’st Chiumarulo); Bertino; Keita (19’st Lanzi), Danieli. A disp.: Kikkri,  Bianco, Idromela, Perquoti. All.: Fiorucci.

ARBITRO: Nika di Terni (Malacchi e Nikravan).

MARCATORE: 1’st Finetti.
NOTE: Ammoniti: Bernardini, Simoncini, Paletta e Annibaldi(O); Mariani e Mattia (E). Angoli: 4-5. Recupero: 1’pt, 5’st.

CLASSIFICA: Tiferno 41; Narnese e Spoleto 38; V.A. Sansepolcro 35; Nestor e Orvietana 34; Lama, Pontevalleceppi e Trasimeno 32; San Sisto 28; Ducato 27; Angelana e Castel del Piano 26; Assisi Subasio 25; Gualdo Casacastalda 14; Ellera 11.

PROSSIMO TURNO: Orvietana – V. A. Sansepolcro.