post

Antonio Rizzolo confermato allenatore per la prossima stagione, con lui anche il suo secondo Enrico Broccatelli

Conferme erano già arrivate anche per i direttori Panzetta e Capretti.

Il Presidente Roberto Biagioli, in seguito alla decisione di confermare nei ruoli di Direttore Generale e Direttore Sportivo rispettivamente Matteo Panzetta e Severino Capretti, comunica di aver deciso di intraprendere la nuova stagione che sta per arrivare, confermando anche Antonio Rizzolo come allenatore della prima squadra e, nella veste di suo secondo, Enrico Broccatelli, dopo essere riusciti a raggiungere l’obiettivo salvezza durante la stagione appena conclusa.

L’Orvietana calcio augura a entrambi un buon lavoro, certi delle ottime capacità e delle grandi qualità che li contraddistinguono.

post

A Orvieto sarà ancora serie D!

Battutto il Livorno con il gol di Manoni, finale thriller dagli altri campi, poi arriva la conferma: è salvezza diretta!

ORVIETANA – LIVORNO 1-0

ORVIETANA (4-3-1-2): Rossi; Manoni (43’st Labonia), Congiu, Siciliano, Lorenzini; Orchi, Greco, Fabri (33’st Di Natale); Proia; Stampete (33’st Santi), Marsilii (1’st Caravaggi). A disp.: Marricchi, Sforza, Mafoulou, Sakoa, Chiaverini. All.: Rizzolo.

LIVORNO (4-3-3): Albieri; Camara, Ronchi, Schiaroli, Carcani; Bellini, Likaxhiu (31’pt Facchetti), Vallini (9’st Marinari); Menga (1’st Cori), Frati (9’st Luci), Rossetti (27’st Giordani). A disp.: Fancelli, Goffredi, Sabatini, Brenna. All.: Pascali.

ARBITRO: Terribile di B. del Grappa (Savino di Napoli – Dattilo di Roma 1)

RETI: 32’pt Manoni.

NOTE: espulso al 29’ pt Albieri (L) per comportamento scorretto e al 44’pt Lorenzini (O) per doppia ammonizione. Ammoniti: Rossi, Orchi (O). Angoli: 0-3. Recupero: 2’+ 7’.

L’Orvietana chiude come lo scorso anno, conquistando la salvezza diretta all’ultima giornata in casa. A certificare la permanenza nella quarta serie nazionali la forbice di 9 punti sulla quintultima. Può partire la festa al Muzi, al termine di una gara lottata, ricca di episodi e con il verdetto incerto fino al 97’.

Rizzolo sceglie Siciliano per sostituire lo squalificato Ricci in mezzo alla difesa, mette Proia trequartista e in attacco preferisce Stampete e Marsilii. Diverse novità nel Livorno, che si schiera con il 4-3-3. L’avvio è di marca ospite. Frati più volte spaventa la retroguardia biancorossa, ma poi la mira non è mai ottimale. Nell’Orvietana si mette in mostra Stampete che prima consente a Proia un tentativo, finito alto di poco, poi si guadagna una punizione, che ancora Proia manda sopra la traversa. L’Orvietana pressa, anche Lorenzini mette un paio di palle in mezzo pericolose, poi alla mezz’ora l’episodio che decide la partita: grossa incomprensione tra la difesa e il portiere, il retropassaggio finisce sotto il controllo di Marsilii e l’estremo difensore ospite prende il pallone con le mani. Retropassaggio e punizione a due? Interruzione di azione pericolosa? L’arbitro decide di espellere il portiere labronico, ma di assegnare il calcio piazzato di seconda, dopo aver visto il cartellino rosso molti si aspettavano il calcio di rigore. A mettere tutti d’accordo è Manoni, che colpisce con forza la palla toccata da Greco e, complice anche una deviazione, la scaraventa in rete alle spalle del neo entrato Facchetti (nella foto by Rebecca A. il gol partita).

Il finale di tempo è da cardiopalma: prima Stampete, ancora lui, semina il panico in area e serve sul secondo palo Marsilii che di testa, a un metro dalla linea di porta, trova solo il portiere, poi sul proseguo dell’azione arriva il secondo giallo per Lorenzini per un intervento su Rossetti. Si torna in parità numerica e sulla punizione di Carcani, colpo di testa di Ronchi che colpisce la traversa, anche grazie alla deviazione di Rossi.

Si va al riposo con l’Orvietana momentaneamente salva, nella ripresa subito dentro Caravaggi per Marsilii, Livorno che invece esaurisce tutti i cambi prima della mezz’ora. Arriva la notizia del vantaggio del Real Forte, che condannerebbe ai playout l’Orvietana anche vincendo, anche il Livorno fa i conti: il Tau momentaneamente avanti a Piancastagnaio lo supererebbe, si pensa più a quanto accade negli altri campi. Si tira un po’ il fiato, in dieci contro dieci affiora un po’ di stanchezza, poi la gara torna a ritmi più alti nel finale. Luci ci prova dalla distanza, Rossi respinge di punto, dall’altra parte Fabri suggerisce per Orchi, colpo di testa centrale, ci prova anche il neo entrato Di Natale, serve Proia che è anticipato dal portiere. Vengono segnalati cinque di recupero, allungati fino a quasi otto, il Livorno prova a spingere, anche per non lasciare delusi il centinaio di tifosi presenti, ma il risultato non cambia e dagli altri campi arriva la conferma: Orvietana ancora in Serie D anche nella prossima stagione.

post

L’Orvietana ospita il Livorno, sperando sia l’ultima fatica

Al triplice fischio il verdetto: salvezza o playout. Juniores: finale playoff in casa contro la Samb.

Ultima di campionato, sperando sia veramente l’ultima, anche se l’appendice playout non può certo essere esclusa a priori. L’Orvietana ospita il Livorno, matematicamente ai playoff ma che deve difendere la quarta posizione. Ci sono sette punti di vantaggio sulla coppia Real Forte dei Marmi Querceta e Vivi Altotevere Sansepolcro: non bastano, per la salvezza diretta ne servono almeno otto.

L’Orvietana, per salvarsi direttamente, deve quindi fare più punti delle due squadre che la seguono, in caso di vittoria dei biancorossi, la salvezza scatterebbe solo se sia Real Forte, sia Sansepolcro non vinceranno. In caso di pareggio tra Orvietana e Livorno, l’unica combinazione che porta alla salvezza, sarebbe la contemporanea doppia sconfitta di entrambe le squadre che oggi sono sette punti dietro. Una sconfitta invece porterebbe ai playout, senza bisogno di attendere i risultati dagli altri campi. In ogni caso, se fossero playout, sarebbero comunque in casa, con a disposizione due risultati su tre.

Rizzolo dovrà fare a meno del capitano Luca Ricci, squalificato, bisognerà anche fare attenzione ai diversi diffidati. Orvietana – Livorno si gioca domenica 5 maggio alle ore 15.00 allo stadio L. Muzi. Arbitro: A. Terribile di B. del Grappa (F. Savino di Napoli – B. Dattilo di Roma 1)

Antipasto di questa sfida decisiva, sarà la finale playoff di girone della Juniores nazionale. L’Orvietana ospita la Sambenedettese, che ha superato, pareggiando ai supplementari, l’Atletico Ascoli in semifinale. Sarà gara unica, con l’Orvietana che avrà due risultati su tre per qualificarsi alla fase successiva con le vincenti playoff di tutti i gironi d’Italia.

Orvietana – Sambenedettese, finale playoff Juniores, si gioca sabato 4 maggio alle ore 15.00 all’antistadio O. Achilli.

post

L’Orvietana lotta, ma perde di misura a Grosseto

Maremmani dimostrano di meritare il 2° posto, ma ci sono dubbi sul loro secondo gol.

GROSSETO – ORVIETANA 2-1

GROSSETO (4-3-3): Raffaelli; Aprili, Cretella, Saio, Macchi (29’st Prati); Riccobono (27’st Bensaja), Sabelli, Sacchini (38’st Violante); Romairone (48’st Fregoli), Marzierli, Rinaldini. A disp.: Sclano, Morelli, Russo, Porcu, Nocciolini. All.: Malotti.

ORVIETANA (4-3-3): Rossi; Manoni, Congiu, Ricci, Caravaggi (1’st Lorenzini); Orchi (44’st Sforza), Greco, Proia; Chiaverini (24’st Marchegiani), Santi (20’st Stampete), Fabri (1’st Sakoa). A disp.: Marricchi, Siciliano, Di Natale, Marsilii. All.: Rizzolo.

ARBITRO: Mazzer di Conegliano (Infante di Battipaglia – Eltantawy di Chiari).

RETI: 8’pt Romairone (G), 22’st Riccobono (G), 37’st Ricci (O).

NOTE: espulso Ricci al 42’st per doppia ammonizione. Ammoniti: Manoni(O), Raffaelli, Sacchini, Marzierli, Bensaja (G). Angoli: 7-3. Recupero: 1’+5’.

L’Orvietana perde di misura a Grosseto e dovrà attendere l’ultima giornata, domenica prossima in casa contro il Livorno, per conoscere il proprio destino: salvezza diretta o playout? Il Grosseto agguanta il secondo posto, ma deve lasciare definitivamente la vetta della classifica alla Pianese che vince in rimonta e trova la matematica promozione in Serie C, con una giornata di anticipo.

Rizzolo sceglie di mettere l’under in porta, schiera di nuovo Santi titolare, propone Caravaggi sul lato sinistro della difesa, per il resto è la stessa formazione di domenica scorsa. Tra i padroni di casa manca Grasso.

Parte subito all’attacco il Grosseto, per due volte prova a sfondare sulla sinistra, ma la difesa orvietana evita che le palle arrivino a Mazierli. L’Orvietana si fa vedere al 6’: palla in area per Chiaverini, che trova Santi in area, ma l’attaccante viene anticipato. Il lato sinistro di attacco maremmano porta i suoi frutti all’8’, quando Rinaldini pesca Romairone in area che porta in vantaggio i suoi. Romairone sembra avere un conto aperto con l’Orvietana, visto che aveva deciso anche la gara d’andata.

Il Grosseto gioca bene, arriva la notizia che la Pianese sta perdendo a Seravezza, il campionato sembra riaperto e i padroni di casa spingono sull’acceleratore. L’Orvietana però stringe i denti e si fa pericolosa prima con un colpo di testa di Congiu, da angolo di Manoni, poi con un’altra incursione di Chiaverini. Grosseto ancora sugli scudi con Macchi, ben pescato dopo un’azione tutta di prima tra Sabelli e Rinaldini, poi ancora con Romairone che chiama alla parata in tuffo Rossi. Prima dell’intervallo altra occasione per l’Orvietana, ancora un angolo di Manoni, palla ribattuta corta, Greco rimette in mezzo, dove Proia trova una deviazione che per poco sorprende Raffaelli.

Ad inizio ripresa dentro Lorenzini per Caravaggi e Sakoa per Fabri, tatticamente non cambia nulla. Sakoa si fa subito vedere, quando ben lanciato, supera Sabelli, suggerisce per Proia, il cui tiro è deviato, qualche protesta per un presunto mani, ma l’arbitro è a due passi e fa segno di proseguire. Il Grosseto si fa poi pericoloso con Mazierli che salta sotto porta, anticipa gli avversari, ma da due passi manda a lato. La partita è ora più equilibrata, poco dopo altro cross di Manoni, colpo di testa di Sakoa alto.

Il break decisivo arriva a metà secondo tempo, palla lunga per Aprili, contrasto con Lorenzini che viene strattonato e finisce a terra proprio sotto gli occhi del secondo assistente, anche l’arbitro è vicino, tutti si fermano attendendo un fischio che non arriva, Aprili allora approfitta della situazione, pesca Riccobono sul fronte opposto che, piuttosto libero anche perché si erano fermati tutti, trafigge Rossi per il 2-0. Tante proteste da parte dell’Orvietana, tanto che il gioco fatica a ripartire.

Rizzolo inserisce anche Stampete, che subito prova una conclusione al volo, ma centrale, poi al 37’ la gara si riapre: l’Orvietana spinge sulla sinistra, cross perfetto di Lorenzini per Ricci, salito dalla difesa, colpo di testa vincente del capitano.  L’Orvietana prova a gettarsi in avanti nel finale, ma la difesa di casa non concederà più nulla, Ricci si beccherà anche il secondo giallo per aver fermato una ripartenza.

L’Orvietana resta dunque al quintultimo posto a +7 sulla quartultima, che oggi è il Real Forte dei Marmi, vista la migliore classifica avulsa dei versiliesi sul Sansepolcro. Domenica prossima al Muzi arriverà il Livorno che lotta per mantenere, o migliorare, la posizione playoff. Le combinazioni che porterebbero la salvezza diretta all’Orvietana sono quelle che prevedono di aumentare quel +7 di distacco con Real Forte e Sansepolcro, almeno a +8. Quindi in caso di vittoria sul Livorno, non deve vincere nessuna tra Real Forte e Sansepolcro, in caso di pareggio con il Livorno devono perdere entrambe. Altrimenti sarà playout in casa, in gara secca, contro una delle due.

post

Orvietana a Grosseto, giornata decisiva anche per il settore giovanile

Penultimo turno in D, maremmani ancora in lotta per il primato, ma all’Orvietana servono punti salvezza.

180 minuti al termine, pochi i verdetti già certi: le retrocessioni dirette di Cenaia e Mobilieri Ponsacco. Tanti gli incastri tra chi deve evitare i playout, chi spera di fare i playoff e chi corre verso la Serie C, talmente tanti che è complesso riassumerli tutti, sebbene manchino solo due giornate alla fine.

L’Orvietana va a far visita al Grosseto, terza in classifica, a -4 dalla capolista Pianese, a -1 dalla seconda, il Follonica Gavorrano e a +4 dal Tau. I biancorossi di Rizzolo, a +7 dal Sansepolcro, a +8 dal Real Forte dei Marmi, a -2 dal Montevarchi e a -3 dal San Donato, sanno che non potranno essere superati, ma devono provare a cercare punti anche nella dura trasferta allo stadio Zecchini, prima dell’ultima giornata in casa contro il Livorno. Se dagli impegni di Pianese e Gavorrano dovessero arrivare stimoli in più per il Grosseto sarà ancora più difficile, se invece le prime due risolvessero presto la pratica, magari chissà…

Rizzolo dovrà come al solito pensare prima alla posizione degli under, per trovare la migliore formazione possibile, proprio qualche giocatore tra i più giovani ha risentito di qualche problema in settimana, per cui fino all’ultimo sarà difficile ipotizzare un undici titolare.

Si gioca domenica 28 aprile allo stadio Zecchini di Grosseto alle ore 15.00.

Fine settimana decisivo anche per il settore giovanile agonistico, che propone le ultime di campionato per l’Under 19, che, contro il Fossombrone in casa, può mettere nel mirino il secondo posto e quindi la migliore posizione di partenza nei playoff, Under 17 che sarà di scena a Terni e Under 15 che difende il primato in casa contro il Pontevalleceppi: per i ragazzi di Valterio quindi c’è l’occasione per laurearsi campioni assoluti umbri di categoria e partecipare alla fase nazionale dei Giovanissimi. In campo a Terni anche l’Under 14.

Di seguito il programma completo:

Campionato nazionale Serie D, girone E: Grosseto – Orvietana; domenica 28 aprile ore 15.00, stadio C. Zecchini – Grosseto.

Campionato nazionale Under 19, girone G: Orvietana – Fossombrone; sabato 27 aprile ore 16.00, antistadio O. Achilli – Orvieto.

Campionato regionale Under 17, Serie A1, girone unico: Terni FC – Orvietana; domenica 28 aprile ore 11.00, campo Strinati – Terni.

Campionato regionale Under 16, girone C: Il campionato è terminato, l’Orvietana ha vinto il torneo con 52 punti, frutto di 17 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte, 104 gol segnati e 24 subiti.

Campionato regionale Under 15, Serie A1, girone unico: Orvietana – Pontevalleceppi; domenica 28 aprile ore 9.30, antistadio O. Achilli – Orvieto.

Campionato regionale Under 14, girone D: Ol. Thyrus – Orvietana; sabato 27 aprile ore 18.00, campo Laureti – Terni.

post

Buon punto a Montevarchi

A 180 minuti dalla fine biancorossi ancora in zona playout, ma la salvezza diretta è più vicina.

A. MONTEVARCHI – ORVIETANA 1-1

A. MONTEVARCHI (4-3-3): Dainelli; Lischi, Stefoni (41’st Artini), Cellai, Virgillito (49’st Lucatuorto); Conti, Borgarello (27’st Pardera), Muscas (37’st Boiga); Ciofi, Rufini, Bontempi. A disp.: Di Gennaro, Keqi, Messini, Boncompagni, Dago. All.: Beoni.

ORVIETANA (4-3-3): Marricchi; Manoni (32’st Caravaggi), Congiu, Ricci, Lorenzini; Orchi, Greco, Proia (42’st Santi); Chiaverini (32’st Stampte), Marsilii (42’st Sforza), Fabri (48’st Di Natale). A disp.: Rossi, Siciliano, Gomes, Sakoa. All.: Rizzolo.

ARBITRO: Marinoni di Lodi (Carpinelli di Aprilia – Passeri di Roma 1).

RETI: 15’pt Orchi (O), 18’ pt Bontempi (M).

NOTE: ammoniti: Bontempi (M), Proia (O); angoli: 9-3 per l’Orvietana; recupero: 1’+4’.

Foto: Valdarno24.it

Finisce in parità lo scontro diretto a Montevarchi, al termine di una gara vissuta, da entrambe le parti, con la giusta tensione, vista l’importanza dei punti in palio.

Rizzolo sceglie un centrocampo tutto over, dove operano Orchi, Greco e Proia, spostando così l’under dalla linea mediana, dove era sempre stato nelle ultime uscite, in attacco: c’è quindi Marsilii e non Santi in mezzo a Fabri e Chiaverini. Difesa invece confermata con Manoni, Congiu, Ricci e Lorenzini davanti a Marricchi. Beoni fa un solo cambio rispetto alla formazione che domenica scorsa aveva vinto nettamente contro il San Donato: non c’è uno dei punti di forza Priore, nemmeno in panchina, 11 gol per lui fin qui, al suo posto Rufini.

Primi venti minuti a ritmi altissimi, le squadre giocano per vincere e nella prima metà del primo tempo arrivano un doppio palo e due gol. Apre le danze il Montevarchi al 10’ quando Bontempi corre via sulla sinistra e fa partire un diagonale che incoccia sul secondo palo, Lischi prova a correggere in rete, ma colpisce ancora il montante. L’Orvietana non si spaventa, ma anzi passa in vantaggio dopo pochi minuti: angolo guadagnato, Fabri batte corto per Proia, tutti si aspettano un cross in area, invece viene servito Greco che era rimasto a tre quarti campo. Ora la difesa di casa il cross non se lo aspetta più, invece Greco dalla distanza trova una traiettoria delle sue che pesca Orchi in area: il colpo di testa del centrocampista vale lo 0-1 e la quinta rete in biancorosso per Orchi. La reazione dei toscani porta presto al pareggio: punizione di Ciofi, palla che viene spizzata a centro area e finisce all’altezza del secondo palo, dove Bontempi anticipa tutti e pareggia.

Il Montevarchi spinge molto con Bontempi e Ciofi, ma di palle pericolose non ne arriveranno altre. I biancorossi tengono sempre sotto pressione gli avversari, in particolare la velocità di Chiaverini sembra infastidire non poco la retroguardia di casa.

Nel secondo tempo cala la pressione dei toscani, Greco prova a creare superiorità numerica, poi preferisce servire Chiaverini, ormai finito in fuorigioco, piuttosto che tentare la conclusione appena entrato in area. Un minuto e ancora Greco, su punizione, trova Proia, ma la sua conclusione da buona posizione è deviata in corner. Inizia una fase di continui ribaltamenti di fronte, con azioni di attacco che si trasformano in ripartenze dalla parte opposta, Lischi e Ciofi si fanno ben servire in area, ma non trovano la mira. Entrano Stampete e Caravaggi per Manoni e Chiaverini, l’Orvietana conquista ben 5 corner consecutivi, ma senza esito.

Nel finale le squadre alzano un po’ il piede dall’acceleratore e il risultato di 1-1 arriva fino al triplice fischio.

L’Orvietana rimane in zona playout a +7 sul Sansepolcro e +8 sul Real Forte Querceta, domenica prossima Orvietana a Grosseto, matematicamente ancora in lotta per il titolo, Real Forte a Gavorrano, seconda della classe, e Sansepolcro che ospita proprio il Montevarchi.

A 180 minuti dalla fine sono rimaste solo tre ipotesi sul verdetto finale: salvezza diretta, playout in casa contro il Sansepolcro o playout in casa contro il Real Forte.

post

Orvietana: domenica a Montevarchi si cominceranno a fare i conti

Terzultima giornata, per la salvezza c’è da rincorrere chi sta davanti o allontanare chi sta dietro.

Tre gare alla fine e il calendario propone per l’Orvietana lo scontro diretto a Montevarchi, contro gli aretini che hanno due lunghezze in più in classifica e oggi sarebbero salvi, malgrado il sestultimo posto, grazie ai 10 punti di vantaggio (ne bastano 8) sulla terzultima, ovvero il Real Forte dei Marmi Querceta. L’Orvietana è quintultima, a -2 appunto dalla posizione del Montevarchi, che oggi vale la permanenza in D, a +6 sul Sansepolcro (anche in questo caso se il distacco al termine del campionato fosse di 8 punti, la salvezza sarebbe diretta). Il Sansepolcro giocherà in casa della capolista Pianese, il Real Forte ospita il Tau, che lotta per rimanere nei playoff. Insomma nella serata di domenica prossima già si potranno iniziare a fare i conti, in vista degli ultimi 180 minuti del campionato.

Si gioca domenica 21 aprile alle ore 15.00 allo stadio Brilli Peri di Montevarchi, arbitro: P. Marinoni di Lodi (D. Carpinelli di Aprilia – L. Passeri di Roma 1). Biglietti acquistabili online al seguente link: https://www.ciaotickets.com/it/aquila-montevarchi

Il settore giovanile agonistico propone le gare interne per Under 17, che ospita il Fulginium e Under 14 che incontra l’Alfina Lupi. Trasferte per Under 19, a Sansepolcro e Under 15 a Castel del Piano, di seguito il programma completo:

Campionato nazionale Serie D, girone E: Aquila Montevarchi – Orvietana; domenica 21 aprile ore 15.00, stadio Brilli Peri – Montevarchi (AR).

Campionato nazionale Under 19, girone G: Vivi Altotevere Sansepolcro – Orvietana; sabato 20 aprile ore 15.00, stadio Buitoni – Sansepolcro (AR).

Campionato regionale Under 17, Serie A1, girone unico: Orvietana – Fulginium; sabato 20 aprile ore 15.15, antistadio O. Achilli – Orvieto.

Campionato regionale Under 16, girone C: Il campionato è terminato, l’Orvietana ha vinto il torneo con 52 punti, frutto di 17 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte, 104 gol segnati e 24 subiti.

Campionato regionale Under 15, Serie A1, girone unico: Castel del Piano – Orvietana; domenica 21 aprile ore 9.30, antistadio Castel del Piano – Perugia.

Campionato regionale Under 14, girone D: Orvietana – Alfina Lupi; sabato 20 aprile ore 17.30, antistadio O. Achilli – Orvieto.

post

La Pianese passa al Muzi, l’Orvietana protesta per tre episodi

Doppietta dell’ex Mignani, poi Proia accorcia, tanti episodi contestati, l’ultimo appena prima del gol di Bramante.

ORVIETANA – PIANESE 1-3

ORVIETANA (4-3-3): Marricchi; Manoni, Congiu, Ricci, Lorenzini (44’st Caravaggi); Mafoulou (15’st Marsilii), Orchi, Proia; Chiaverini (27’st Marchegiani), Santi (15’st Greco), Fabri (15’st Sakoa). A disp.: Rossi, Labonia, Di Natale, Siciliano. All.: Rizzolo.

PIANESE (3-4-2-1): De Fazio: Remy, Polidori, Lo Porto; Boccadamo, Proietto (39’st Miccoli), Simeoni, De Martino; Le Donne (34’st Falconi), Mastropietro (18’st Bramante); Mignani (31’st Kouko). A disp.: Iurino, Gagliardi, Tognietti, Monanni, Lulli. All.: Prosperi.

ARBITRO: Franzò di Siracusa (Cucci di Trapani – Rallo di Marsala).

RETI: 18’pt, 20’st Mignani (P), 25’pt Proia (O), 50’st Bramante (P).

NOTE: Ammoniti: Proietto, Boccadamo, Kouko (P), Lorenzini, Fabri, allenatore Rizzolo (O). Angoli: 3-4. Recupero: 2’+5’.

La Pianese espugna il Muzi e comincia ad intravedere da vicino la Serie C, l’Orvietana, colpita da un uno-due micidiale dell’ex Mignani, riapre subito la gara e protesta in almeno tre occasioni contro le decisioni arbitrali.

Rizzolo conferma la formazione di Val di Pesa con l’eccezione del portiere, torna tra i pali Marricchi, Greco parte dalla panchina. La Pianese recupera Polidori e presenta i due ex Mignani, capocannoniere del torneo, e Proietto. Parte subito a mille la capolista, che dopo aver guadagnato diversi calci piazzati, trova la doppietta in meno di due minuti. Due azioni tutte di prima, dalla difesa all’attacco, assist perfetti di Le Donne e subito 0-2, con più di un dubbio sulla posizione di Mignani nel caso della seconda rete, ma la bandierina dell’assistente Rallo rimane giù. L’Orvietana reagisce e pochi minuti dopo riapre i giochi con la scelta perfetta di Chiaverini che manda Proia a presentarsi solo davanti al portiere: distanze subito accorciate.

La Pianese controlla, spesso corre via veloce sulla fascia, ma non si renderà più pericolosa. Nella ripresa, dopo un quarto d’ora, triplo cambio per Rizzolo e Greco, praticamente a freddo, calcia una punizione dentro l’area di porta, due biancorossi ciccano la palla. Biancorossi che guadagnano metri, e su corner arrivano le proteste per un mani in area di Lo Porto (nella foto by Rebecca A.). Poco dopo protesterà la Pianese per un intervento di Fabri, già ammonito. Si arriva così al convulso finale, minuto 94’ palla lunga in area dove si vede chiaro l’intervento di mani del difensore ospite, ma l’arbitro non se la sente di fischiare un rigore contro la capolista, che, anche sfruttando le proteste continue dei biancorossi che proseguono a lungo, chiude la gara con un’altra rete, in ripartenza, siglata da Bramante.

Nel prossimo turno arriva un altro scontro decisivo per l’Orvietana: a Montevarchi, nella terzultima giornata, contro una formazione che ha soli due punti più dei biancorossi.

post

L’Orvietana ospita la capolista

La Pianese comanda con una sola lunghezza sulla seconda, ma i biancorossi hanno bisogno di punti salvezza.

Quattro gare al termine, nessun verdetto ancora emesso in questo girone di Serie D, né in testa, né in coda. Domenica alle 15.00 al Muzi saranno messi in palio punti forse decisivi, sia per la lotta salvezza che per la corsa verso la Serie C. L’Orvietana, reduce da due vittorie consecutive, è tornata a vedere la zona salvezza diretta, anche grazie al distacco sulla terzultima, la Pianese è la capolista del torneo e in settimana il suo presidente Maurizio Sani, malgrado la sconfitta di una settimana fa, ha suonato la carica: vuole tornare nel calcio professionistico. Ma i bianconeri hanno un solo punto di vantaggio sul Follonica Gavorrano e si è rifatto sotto anche il Grosseto a meno quattro.

Nella Pianese militano due ex che erano stati tra i protagonisti della cavalcata incredibile del girone di ritorno della scorsa stagione, Francesco Proietto e Guglielmo Mignani, quest’ultimo capocannoniere dell’attuale campionato con 18 reti messe a segno. All’andata, piuttosto a sorpresa, entrambi non furono schierati dall’allenatore degli amiatini Prosperi, alla fine la gara terminò in parità, 1-1, con la rete di testa di Congiu che aveva portato avanti l’Orvietana ad inizio ripresa, proprio come accaduto domenica scorsa quando lo stesso difensore (nella foto by Rebecca A. insieme a Proia), sempre ad inizio secondo tempo, ha messo la firma sull’importante vittoria sul campo del San Donato Tavarnelle, ribadendo in rete la palla che Orchi aveva indirizzato all’incrocio dei pali.

Si gioca domenica alle ore 15.00 allo stadio Luigi Muzi, arbitro: F. Franzò di Siracusa (S. G. Cucci di Trapani – A. Rallo di Marsala).

Il settore giovanile agonistico propone invece l’impegno interno della Juniores contro l’Avezzano, la doppia sfida al Castiglione del Lago con Under 17 e Under 15, mentre l’Under 16, che ha già vinto il proprio campionato, sarà di scena a Foligno e l’Under 14 disputa il derby in trasferta sul campo dell’Orvieto FC.

Di seguito il programma completo:

Campionato nazionale Serie D, girone E: Orvietana – Pianese; domenica 14 aprile ore 15.00, stadio L. Muzi, Orvieto.

Campionato nazionale Under 19, girone G: Orvietana – Avezzano; sabato 13 aprile ore 16.00, antistadio O. Achilli – Orvieto.

Campionato regionale Under 17, Serie A1, girone unico: Castiglione del Lago – Orvietana; domenica 14 aprile ore 11.00, stadio S. Piola, loc. Sanfatucchio (PG).

Campionato regionale Under 16, girone C: Foligno – Orvietana; domenica 14 aprile ore 10.30, campoi loc. Corvia – Foligno (PG).

Campionato regionale Under 15, Serie A1, girone unico: Orvietana – Castiglione del Lago; domenica 14 aprile ore 11.00, antistadio O. Achilli – Orvieto.

Campionato regionale Under 14, girone D: Orvieto Fc – Orvietana; sabato 13 aprile ore 18.30, campo F. Mosconi – Orvieto.

post

Continua il momento d’oro dell’Orvietana

A Tavarnelle successo per 1-0 contro il San Donato, Congiu (nella foto by Rebecca A., abbracciato dai compagni) insacca il gol decisivo, dopo la traversa di Orchi.

SAN DONATO T. – ORVIETANA 0-1

SAN DONATO T. (3-4-1-2): Manzari; Sichi, Chiti, Videtta; Petronelli (16’st Di Blasio), Calamai, Papalini (16’st Seghi), Belli (45’st Gianneschi); Bellini (29’st Bocci); Oitana (1’st Barazzetta), Neri. A disp.: Campinotti, Forte, Rossi L., Forconi. All.: Brachi.

ORVIETANA (4-3-3): Rossi; Manoni, Congiu, Ricci, Lorenzini; Mafouolou, Orchi, Proia (48’t Sforza); Chiaverini (39’st Sakoa), Santi (30’st Marsilii), Fabri. A disp.: Marricchi, Siciliano, Labonia, Di Natale, Caravaggi, Marchegiani. All.: Rizzolo.

ARBITRO: Traini di S. Benedetto del T. (Bara di Macerata – Maroni di Fermo).

RETE: 6’st Congiu.

NOTE: ammoniti: Nieri (S), Santi, Chiaverini (O). Angoli: 5-4. Recupero: 2’+6’.

TAVARNELLE V. DI PESA (FI): Ancora una vittoria, ancora senza subire reti e la classifica ad oggi premierebbe l’Orvietana con la salvezza diretta, visto il sestultimo posto e visto il +8 sul Real Forte dei Marmi. Ma la battaglia è ancora lunga, basti pensare che domenica al Muzi arriverà la capolista Pianese.

Manca Greco per squalifica, alla lunga lista di infortunati si aggiungono anche Stampete e Ciavaglia, Rizzolo manda in campo una formazione che per dieci undicesimi è la stessa di quella che aveva rifilato il 3-0 al Ghiviborgo, unica novità Mafoulou in mediana. Sul fronte opposto due assenze altrettanto pesanti: il centrale di difesa Frosali e il centrocampista Marianelli, entrambi squalificati.

Padroni di casa pericolosi dopo pochi minuti: Bellini va a battere una punizione che richiede subito uno scatto di reni di Rossi, che deve distendersi per indirizzare in angolo un pallone che stava finendo sotto il sette. I ritmi sono bassi, il caldo si fa subito sentire e anche il campo non è nelle migliori condizioni. Si procede per calci piazzati, ci prova stavolta Proia, che fa giungere palla a Santi che spizza, poi è giudicato falloso l’intervento sul portiere. Poche emozioni nella fase centrale del primo tempo, poi ancora un calcio di punizione per un ulteriore sussulto: Proia sfiora il palo, col pallone deviato quanto basta per non finire in rete. Finale in crescendo per l’Orvietana che spinge soprattutto con gli esterni Fabri e Chiaverini.

La ripresa inizia con Barazzetta al posto di Oitana tra i padroni di casa. Ma è l’Orvietana a partire col piede giusto e a trovarsi presto in vantaggio, Santi si guadagna una punizione sulla trequarti, fermato fallosamente da Videtta, va a battere Manoni, salta sottoporta Orchi, ma la palla si stampa all’incrocio dei pali, sulla ribattuta però Congiu è il più lesto di tutti a raccogliere il pallone e a siglare il vantaggio. 4° gol in maglia biancorossa per il centrale difensivo.

L’Orvietana avrebbe una grandissima occasione per chiudere la gara al 18’ quando pasticcia Chiti sulla trequarti, ne approfitta Proia che può involarsi solo verso la porta, ma al momento del tiro angola troppo e non centra i pali. Brachi comincia il giro dei cambi e tornano protagonisti i calci piazzati, punizioni e corner. A metà tempo serve un altro intervento di Rossi sulla punizione di Barazzetta, che poco dopo batterà un corner velenoso, ma Videtta di testa manda alto.

C’è tempo per vedere anche l’ultimo arrivato in casa Orvietana Kevin Sakoa, che si mette subito in mostra con un’incursione in area. L’Orvietana spreca ancora con Proia e Fabri, entrambi mandano alte le loro conclusioni da breve distanza, a pochi minuti una dall’altra, ma malgrado i 6 di recupero, i ragazzi di Rizzolo riescono a portare a casa l’intera posta, aprendo un ulteriore spiraglio verso la salvezza.