post

L’Orvietana lotta, gioca e vince: Regis la decide su rigore

Difesa ok, buon centrocampo, bene davanti e nel finale un super Perquoti.

Gli ingredienti ci sono stati tutti, mancava purtroppo solo il pubblico, ma i pochi ammessi si sono potuti riconciliare col calcio giocato. Campo pesante, tanto agonismo, bel gioco, lotta, contestazioni, un derby sempre sentito. Ne sono successe tante, proviamo ad andare con ordine.

Orvietana che si presenta con il 4-3-3, davanti a Perquoti ci sono Lanzi e Flavioni esterni, con Annibaldi e Schiavon centrali. In mediana ecco Grezzana davanti alla difesa con Proietti e Guazzaroni ai lati, davanti Regis è la punta centrale supportato da Keita e Vicaroni. Assenza di peso quella di Bracaletti. Modulo speculare per la Narnese che pone Cunzi in porta, Petrini e Capati esterni bassi, Consolini e Tancini in mezzo alla difesa, in mediana operano Grifoni, Bagnato e Bellini, mentre in attacco oltre a Quondam ci sono Rocchi e Zhar.

Il campo è pesante, in molte zone la palla fatica a camminare per le pozze d’acqua e il fango comincia a sostituire l’erba man mano che si va avanti. Primi minuti con la Narnese a spingere più di fisico che altro, l’Orvietana trova presto le geometrie giuste, grazie a Guazzaroni e Proietti a centrocampo e riscopre un Keita in grande spolvero. Proprio Proietti si mangia un’occasione spedendo a lato un diagonale dal limite. Le corse di Keita, aiutato anche dal terreno che gli ferma palloni destinati altrimenti ad andare fuori, mettono in crisi il lato destro rossoblu, presto saranno ammoniti Consolini e Grifoni. Cunzi deve impegnarsi al quarto d’ora per deviare in angolo una punizione di Regis. Dietro Annibaldi tiene a bada Quondam e Perquoti per lunga parte dell’incontro non deve nemmeno preoccuparsi.

Poco prima della mezz’ora arriva il gol decisivo. Solite mischie e contatti fisici, spesso permessi dall’arbitro che fischia pochissimo e dalla destra arriva palla a centro area dove ancora una volta Keita costringe al fallo Consolini: è rigore, protesta la Narnese per un presunto fallo ad inizio azione, protesta l’Orvietana per il mancato secondo giallo a Consolini. Regis di potenza porta in vantaggio gli ospiti. La risposta della Narnese, prima dell’intervallo, è in una conclusione lenta di Zhar, ben smarcato da Bagnato.

Ad inizio ripresa Sabatini toglie i due ammoniti, la gara si fa ancora più maschia, ma per 25 minuti non si assiste a particolari azioni pericolose. Al 27’ Guazzaroni avrebbe la palla buona per raddoppiare, ma la difesa recupera in extremis. Curioso quanto accaduto poco dopo: angolo di Bagnato direttamente sul palo esterno, l’Orvietana si ferma pensando che la palla sia uscita, ma l’assistente indica di continuare a giocare, Bagnato allora rimette in mezzo e Capati sigla il pareggio: ma un giocatore che ha battuto il corner non può ritoccare il pallone dopo che ha colpito il palo, se non lo ha toccato nessun altro giocatore. L’arbitro inizialmente assegna il gol, il suo assistente, pensando che le proteste siano dovute solo alla possibile uscita del campo del pallone, resta sui suoi passi, a questo punto è il direttore di gara però a chiedere al guardalinee se ci fosse stato un tocco di un altro giocatore e alla risposta negativa annulla tutto. Ma le emozioni non finiscono perché poco dopo arriva, per perdita di tempo, il secondo giallo a Flavioni, a dir poco affrettato e con l’arbitro stesso che resta sorpreso quando si ricorda che lo aveva già ammonito. Sta di fatto che l’Orvietana resta in dieci.

Mancano 22 minuti, recupero compreso, e ora è quasi un assedio della Narnese con Perquoti che diventa protagonista assoluto parando 4 volte delle conclusioni che sembravano vincenti: soprattutto su Zhar che dal limite fa partire un diagonale, pure deviato da un difensore: il tuffo del portiere orvietano evita che il pallone finisca all’angolino. Perquoti si ripeterà sulle conclusioni di Bagnato e ancora Zhar. In ripartenza l’Orvietana invece sfiora il raddoppio con Regis che, sottoporta, manda alto. Dopo 7 minuti di recupero, su un campo ormai più fango che erba, arriva il triplice fischio a chiudere una partita che ha fatto rivivere emozioni rimaste sopite da oltre 7 mesi.

L’Orvietana tornerà in campo al Muzi contro l’Ol. Thyrus domenica prossima, mercoledì si giocherà invece Ol. Thyrus – Narnese. Passerà il turno solo la prima del triangolare.

NARNESE – ORVIETANA 0-1

NARNESE (4-3-3): Cunzi; Petrini (39′ st Kola), Tancini (35′ st Lucidi), Consolini (1′ st Ponti), Capati (29′ st Ferroni); N. Grifoni (1′ st Pinsaglia), Bagnato, Bellini; Quondam, Rocchi, Zhar. A disp.: Pantaloni, Cipiccia, Latini, P. Grifoni. All. Sabatini.

ORVIETANA (4-3-3): Perquoti, Lanzi (18′ st Biancalana), Schiavon, Annibaldi, Flavioni; Proietti (13′ st Cotigni), Grezzana, Guazzaroni (45′ st Tatta); Vicaroni (36’st Marsili), Regis, Keita (30′ st Bianco). A disp.: Trincia, Lombardelli, Sulimani, Cipolla. All. Ciccone.

ARBITRO: Fora di Terni (Servili di Terni – Quaglia di Foligno).

RETI: 28’ pt Regis (rig)

NOTE: espulso al 27’ st Flavioni per doppia ammonizione; ammoniti: Consolini, Grifoni N., Pinsaglia e Zhar (N); Perquoti e Cotigni (O). Angoli 9-3; Partita giocata a porte chiuse. Recupero: pt: 3’; st: 7’.

post

Domenica 4 Ottobre inizia la stagione: gara di Coppa a Narni

1° turno con anche l’Olympia Thyrus nel girone, ecco calendario e regolamento.

Era il 23 febbraio quando si disputò l’ultima gara ufficiale prima del lockdown che poi fermò tutta la stagione proprio sul più bello per l’Orvietana. Quel successo contro il Sansepolcro, una delle squadre più forti del campionato, aveva infatti portato l’Orvietana al quarto posto in classifica e con la giornata successiva che avrebbe previsto la trasferta sul campo della capolista Tiferno, già battuta all’andata ad Orvieto. Insomma si stava prospettando un finale di stagione molto interessante.

Dopo 7 mesi e mezzo si tornerà finalmente in campo in una gara vera. Si parte con la Coppa Italia, che prevede tre turni in regione e, per la squadra che alzerà la coppa regionale, altri 3 nazionali, con in palio un posto in Serie D.

Le 18 squadre umbre di Eccellenza sono state divise in 6 triangolari, con gare di sola andata, che promuoveranno alla fase successiva solo la prima di ogni raggruppamento. Le 6 vincenti daranno poi vita a 2 triangolari che definiranno le finaliste regionali.

In questo primo turno l’Orvietana giocherà contro Narnese e Olympia Thyrus. Prima gara a Narni domenica 4 ottobre alle 15.30, seconda gara contro la neopromossa ternana O. Thyrus mercoledì 7 (solo se l’Orvietana dovesse perdere a Narni), oppure domenica 11 (se i biancorossi pareggeranno o vinceranno a Narni).

post

Finisce con una sconfitta l’amichevole infrasettimanale a Chiusi

Primo tempo a reti inviolate, dopo la girandola di cambi si impone il Chiusi 2-0

Dopo la bella prova di Foligno a Chiusi si vedono pochi tiri in porta nel primo tempo, nessuno dei locali, in una gara completamente bloccata contro i toscani che avevano già una gara ufficiale sulle gambe (esordio in coppa contro il Pienza finito 0-0 domenica scorsa). E’ stato un allenamento congiunto dove nel primo tempo Ciccone ha inserito i due sottoquota entrambi nelle posizioni di esterni bassi (Biancalana e Bianco), con Schiavon e Annibaldi a completare il reparto difensivo, davanti a Perquoti in porta. Centrocampo con Cotigni, Grezzana e Tatta, mentre in attacco accanto a Regis, ci sono Bracaletti e Vicaroni. La formazione del Chiusi è invece la seguente: Figuretti, Lillollari, Nigi, Leonardi, Giannelli, Cerchini, Maktar, Perugini, Momo, Ballone, Cossa. Primo tempo con poche emozioni, nella ripresa entrano tutti i giocatori a disposizione (Trincia, Lanzi, Flavioni, Lombardelli, Proietti, Sulimani, Guazzaroni, Keita, Marsili, Baci e Cipolla) ma ancora una volta i biancorossi non riescono a segnare, arrivano invece due gol di marca Chiusi, il primo su una ripartenza e il secondo su calcio di punizione.

L’Orvietana a questo punto non ha in programma altre sgambate prestagionali fino all’inizio del campionato, previsto per il 18 ottobre. Pronti ovviamente ad informare qualora lo staff tecnico dovesse rivedere il programma

post

Campionato a 18 squadre, Biagioli “Ma cosa ha annullato la votazione di lunedì?”

Dopo aver votato davanti a tutti, qualcuno ha cambiato idea e ha ottenuto di rivotare il giorno dopo.

Ora la stagione sarà intensissima: 34 partite di campionato, da 2 a 5 di coppa regionale, più eventuali spareggi, playout o playoff (solo nazionali).

Dopo la votazione di lunedì sera, che aveva visto la vittoria col minimo scarto (10-8) delle società che avrebbero preferito la soluzione dei due mini gironi, martedì mattina si è registrato il ripensamento di Sansepolcro ed Assisi Subasio che hanno ottenuto di ripetere la votazione terminata ora sempre 10-8 ma per i sostenitori del girone unico da 18 squadre.

Per il presidente dell’Orvietana la decisione è incomprensibile. Queste le parole di Roberto Biagioli:

“Quanto successo non è serio, anzi mi permetto di definirla proprio una buffonata. Ci è stato chiesto di prendere una posizione e di votare palesemente, non certo a scrutinio segreto, sul format del campionato. Aveva vinto la linea che sostenevo io dei 2 gironi da 9, unica soluzione che garantirebbe di terminare la stagione anche in caso di continuazione dell’emergenza. La decisione era stata presa, erano uscite le notizie ufficiali di stampa. Poi stamattina ci richiamano e ci rifanno votare senza dibattimenti, ma che significa? Cosa ha annullato il voto di lunedì sera? Perché quel voto non è più valido e questo nuovo sì? Sembra un circo. Un campionato a 18 squadre con 2 partite a settimana sia ad ottobre che a novembre, quando inizieranno i settori giovanili non avremo nemmeno i pulmini per accompagnare la prima squadra, dovremo noleggiare i bus, alla faccia del risparmio. Già dobbiamo spendere non poco per essere in regola con le normative anticovid in una stagione dove per lungo tempo ci sta il rischio che non ci saranno incassi… non capisco la decisione di chi ha scelto questo formato, ma soprattutto ripeto che non capisco che senso ha votare palesemente a viso scoperto, poi rivotare un’altra volta poche ore dopo”.

Sarà quindi una stagione intensissima: 34 giornate di campionato da disputare in poco tempo, tanti turni infrasettimanali, ai quali si aggiunge la coppa, eventuali spareggi di fine anno, playout o playoff (in questo caso solo nazionali per la seconda in classifica che accede subito alla fase interregionale senza disputare i playoff regionali).

Si parte con la coppa il 4, 7 e 11 ottobre, campionato al via il 18. Al termine del lungo torneo la prima sarà promossa in Serie D, la seconda accederà direttamente agli spareggi nazionali per la Serie D (quindi niente playoff regionali), l’ultima retrocede in Promozione, playout per chi termina dal 14° al 17° posto per almeno altre 3 retrocessioni (a meno che non dovessero retrocedere altre squadre dalla D).

Queste le date previste (che dovranno comunque essere confermate dalla FIGC):

Ad Ottobre previste fino a un massimo di 5 gare: 2 di coppa (su 3 giornate previste, con una di riposo) e 3 di campionato (sulle 34 previste 2 turni di riposo uno all’andata e uno al ritorno), queste le date impegnate: domenica 4, mercoledì  7, domenica 11, domenica 18, domenica 25 e mercoledì 28.

A Novembre previste fino a 8 gare: 1 di coppa (se si supera il primo turno) e 7 di campionato, queste le date impegnate: domenica 1, mercoledì 4, domenica 8, domenica 15, mercoledì 18, domenica 22, mercoledì 25, domenica 29.

A Dicembre previste fino a 5 gare: 1 di coppa (se si supera il primo turno) e 4 di campionato, queste le date impegnate: domenica 6, mercoledì 9, domenica 13, domenica 20, mercoledì 23. Riposo domenica 27.

A Gennaio previste fino a 7 gare: 2 di coppa (se si supera il primo e il secondo turno) e 5 di campionato, queste le date impegnate: domenica 3, mercoledì 6, domenica 10, domenica 17, mercoledì 20, domenica 24, domenica 31.

A Febbraio previste fino a 4 partite di campionato: le domeniche 7, 14, 21 e 28.

A Marzo previste fino a 5 partite di campionato: le domeniche 7, 14, 21 e 28 e mercoledì 24. (Più partite di coppa per chi vince la coppa in Umbria e si qualifica per la fase nazionale che conta di 4 turni)

Ad Aprile previste fino a 4 partite di campionato: sabato 3, domenica 11, domenica 18 e mercoledì 21. Sosta il 25.

A Maggio previste fino a 2 partite di campionato, più eventuale spareggio, o fino a 2 partite di playout: le domeniche 9, 16, 23 e 30 (più eventuali playoff nazionali che contano di 2 turni per la seconda classificata).

post

L’Orvietana si mostra competitiva anche a Foligno

I Falchetti, che domenica esordiranno in campionato, si impongono 2-1

Dopo 3 amichevoli contro squadre di categoria inferiore, l’Orvietana si presenta a Foligno contro la locale compagine di Serie D, pronta a fare le prove generali per il proprio campionato che inizierà domenica prossima. Forse dovrà attendere circa un mese invece l’Orvietana prima di veder partire l’Eccellenza.

Si ringrazia per la collaborazione: Roberto Mattia

FOLIGNO – ORVIETANA 2-1
FOLIGNO (4-3-1-2):
Meniconi (1’ st Roani); Bocci (1’ st Colarieti), Nuti, Dondoni (23’ st Dell’Orso), Giannò (13’ st Rossi); Fondi, Sanseverino, Giabbecucci (1’ st Settimi); Marianeschi (1’ st Fiki); Broso (20’ st Piancatelli), Zerbo (20’ st Di Nicola). A disp.: Pomerani, Chiucchiù, Piermarini. All.: Armillei.
ORVIETANA (4-3-3): Perquoti (1’ st Kanazawa); Lanzi (1’ st Biancalana), Schiavon, Annibaldi (36’ st Lombardelli), Flavioni (6’ st Bianco); Guazzaroni (13’ st Tatta), Grezzana, Proietti (33’ st Sulimani); Vicaroni (36’ st Fastella), Regis, Keita (20’ st Marsili). A disp.: Cotigni. All.: Ciccone.
ARBITRO: Mancini di Foligno.
MARCATORI: 10’ pt Zerbo (F), 16’ pt aut. Bocci (O), 45’ pt Broso (F).

Ciccone deve rinunciare ad una delle pedine principali, Bracaletti, impegnato per motivi personali e assente giustificato. Sceglie quindi Perquoti in porta, Keita in attacco e Lanzi in difesa come fuoriquota, ripropone Flavioni sull’esterno basso, completando la difesa con i centrali Annibaldi e Schiavon. A centrocampo operano Guazzaroni, Grezzana e Proietti, mentre in attacco Keita e Vicaroni sono a supporto di Regis. La prima azione è di marca biancorossa, un cross pericoloso arriva dalle parti di Regis, che non ne approfitta, ci prova allora l’accorrente Vicaroni in sforbiciata e la sua conclusione termina di poco a lato. Al 10’ arriva il vantaggio del Foligno: Zerbo in girata di prima intenzione insacca il pallone proveniente da un suggerimento di Giannò. Passano pochi minuti e arriva il pareggio dell’Orvietana che, grazie alla pressione di Keita, costringe Bocci a un retropassaggio forzato verso il proprio portiere che però finisce in rete. L’Orvietana ora controlla bene, tiene il Foligno distante dai propri pali fino a quasi lo scadere del primo tempo, quando Broso trova tempo per rubare palla e far partire un diagonale imparabile per Perquoti. Nella ripresa solita girandola di cambi, per l’Orvietana ci prova un paio di volte Regis, ma Roani, numero 1 di casa, gli nega la gioia del gol. Il risultato rimane quello del primo tempo.

post

Contro il Guardea ancora in gol Bracaletti, sabato si va a Foligno

Continua a ritmo serrato la preparazione della prima squadra.

ORVIETANA – GUARDEA 1-0

ORVIETANA (4-2-3-1): Kanazawa; Biancalana, Schiavon, Annibaldi, Flavioni; Cotigni (26’pt Proietti), Grezzana; Bracaletti, Guazzaroni (40’pt Lanzi), Vicaroni; Regis. ENTRATI NEL 2° TEMPO: Perquoti, Bianco, Lombardelli, Cipolla, Sulimani, Tatta, Marsili, Baci, Keita. All.: Ciccone.

GUARDEA: Barbabella, Schiaroli, Santori, Piscini, Isidori, Giusti, Renzani, Bonaccorsi, Dominici, Buscaino, Santi. ENTRATI NEL 2° TEMPO: Muzi, Aquili, Talamoni, Patrizi, Del Corso, Santolamazza, An. Saccomanni, Al. Saccomanni, Ricci, Martini. All.: Avola.

MARCATORE: 2’pt rig. Bracaletti.

Un’Orvietana vistosamente appesantita dai previsti carichi di lavoro ha affrontato il Guardea, appena ripescato in Promozione, allenato da Filippo Avola. Il ritmo delle doppie sedute (e delle doppie amichevoli settimanali) stavolta ha reso meno brillanti i biancorossi. Ciccone prova una soluzione tattica differente: esordio per l’ultimo acquisto Flavioni che si posiziona sull’esterno basso mancino, di conseguenza la scelta del secondo fuoriquota finisce sul portiere giapponese Kanazawa. Completano il reparto arretrato Biancalana a destra, Schiavon e Annibaldi centrali. Davanti alla difesa operano Cotigni e Grezzana, mentre Regis è la punta, supportata da Bracaletti, Guazzaroni e Vicaroni. Ma le gambe pesanti fanno durare l’esperimento meno tempo del previsto, con qualche giocatore costretto anche a chiedere il cambio nel primo tempo.

L’unica rete arriva dopo pochi secondi di gioco grazie a Bracaletti che si procura e poi trasforma un calcio di rigore. Poco fortunato Guazzaroni che si vede negare il gol prima da una bella parata di Barbabella e poi da un salvataggio sulla linea.

A fine gara queste le parole di Lorenzo Regis: “Veniamo da un periodo di duro ma proficuo lavoro, solamente domenica abbiamo riposato, quindi è normale a trovarci in questo momento della preparazione in queste condizioni, saremo stati meno brillanti, ma credo che abbiamo mostrato una buona intesa che sta crescendo di partita in partita. L’intesa ci sta anche fuori dal campo, abbiamo fatto un buon gruppo, sano e pulito, credo che ci siano i presupposti per fare bene anche perché Orvieto è una piazza importante, appena ho ricevuto la chiamata non ho esitato a dire subito di sì, lo scorso anno l’Orvietana ha fatto un ottimo campionato e cercheremo di ripeterlo perché questa società lo merita, insieme a mister Ciccone e mister Nevi stiamo lavorando sodo per questo”.

Prossima amichevole sabato pomeriggio a Foligno, contro la locale formazione di Serie D.

post

Al via il 14° Campus dell’Orvietana calcio

In programma dall’1 al 9 ottobre, gratis per i ragazzi da 5 a 12 anni

Da giovedì 1 a venerdì 9 Ottobre si svolgerà il 14° Campus Scuola Calcio dell’Orvietana. Sarà gratuito per tutti i bambini dai 5 ai 12 anni. Si svolgerà presso le strutture dello Stadio Luigi Muzi di Ciconia secondo il seguente programma: il lunedì  e il giovedì  per i nati dal 2010 al 2015 alle ore 17.30; il martedì e il venerdì per i nati dal 2008 al 2009, sempre alle 17.30.

Sono inoltre aperte le iscrizioni per la scuola calcio 2020/2021

Tutti i dettagli nella locandina allegata

post

La rosa si allarga con l’arrivo di Francesco Flavioni, mercoledì di nuovo in campo contro il Guardea

Esterno sinistro di difesa, lo scorso anno all’Angelana.

Con l’ipotesi del torneo a 18 squadre che si fa sempre più realistica, l’esigenza di allargare la rosa della prima squadra, che sarà costretta a disputare 4 turni in più della scorsa stagione in quasi due mesi in meno di tempo, ha consigliato allo staff tecnico di aggiungere un nuovo tassello.

Si tratta di Francesco Flavioni, difensore mancino classe 1997 che arriva a Orvieto dopo le esperienze con Nuorese, Sanbenedettese, Ternana e Angelana.

Intanto mercoledì 16 settembre alle ore 18 si disputerà allo stadio Luigi Muzi di Orvieto una nuova amichevole. Avversario di turno il Guardea allenato da Filippo Avola, formazione appena ammessa al torneo di Promozione Regionale, a seguito degli ultimi ripescaggi.

Per poter assistere alla gara bisogna scaricare e compilare il seguente modulo e, preferibilmente, inviarlo per email entro le ore 17 all’indirizzo orvietana.calcio@libero.it oppure consegnarlo all’ingresso, in tal caso si consiglia di arrivare in ragionevole anticipo rispetto all’orario di gioco (18:00).

post

Gioca e diverte la nuova Orvietana, poker di Vicaroni e primo gol di Bracaletti

Continua la marcia di avvicinamento alla stagione, che forse inizierà tra un mese.

ORVIETANA – PIANOSCARANO 5-2

ORVIETANA (4-3-3): Perquoti; Biancalana, Schiavon, Annibaldi, Bianco; Proietti, Tatta, Guazzaroni; Bracaletti, Vicaroni, Keita (25’pt Marsili). ENTRATI NEL 2° TEMPO: Kanazawa, Lanzi, Lombardelli, Cipolla, Sulimani, Fastella, Baci, Grezzana, Pacelli, Biagioli. All.: Ciccone.

PIANOSCARANO: Gregori, Pietrini, Topi, Lucci, G. Gori, Chiarapini, Taratufolo, Marini, Ciorba, Cisterna, Guadagno. ENTRATI NEL 2° TEMPO: Ceccarelli, Petretti, Medori, Wikramakarlu, Brunetti, F. Gori, Passeri. All.: Brunelli.

MARCATORI: 7’pt Ciorba (P); 10’pt, 34’pt, 4’st e 11’st Vicaroni (O); 31’pt Bracaletti rig. (O); 36’ pt Marini rig. (P).

Seconda uscita per la nuova Orvietana, stavolta in casa. La società si è organizzata, superando le varie difficoltà, per consentire al pubblico di essere presente e chi ha preferito passare allo stadio uno degli ultimi sabati d’estate, ha potuto vedere come cresce la formazione guidata da Ciccone e Nevi. Avversario i viterbesi del Pianoscarano, formazione laziale di 1° categoria che non nasconde ambizioni di vincere il campionato.

Registrazione agli ingressi delle autocertificazioni.

Ciccone rinuncia a Regis in attacco e a Cotigni, nessun grave problema per loro, solo piccoli affaticamenti che hanno consigliato un po’ di riposo. Ma le amichevoli proseguono con il ritmo di due a settimana quindi già mercoledì, sempre in casa, ci sarà occasione per loro di tornare a giocare.

Rispetto alla gara giocata ad Acquapendente nella formazione iniziale troviamo Biancalana esterno basso, Schiavon al centro della difesa, Tatta in posizione di mediano e Vicaroni punta centrale. Si vedono gioco e geometrie e forse un po’ troppa voglia di sbloccare subito il risultato, dopo un paio di occasioni fallite però, l’Orvietana si fa trovare troppo sbilanciata in avanti e Ciorba in ripartenza la punisce superando Perquoti (con Annibaldi che lamenta però un fallo ai suoi danni). Bastano tre minuti per rimettere a posto il risultato, un batti e ribatti in area consente alla fine a Vicaroni, aiutato anche da un tocco di un avversario, di guadagnarsi la paternità di quello che sarà il suo primo di quattro gol della serata.

I biancorossi continuano a manovrare palla, dimostrano che alcuni movimenti cominciano a collaudarsi e passano in vantaggio grazie al rigore procurato da Bianco e realizzato con forza e precisione da Bracaletti, che indossa con orgoglio la fascia di capitano.

Vicaroni continua a far vedere che la maglia di numero nove può indossarla con merito e riporta subito avanti l’Orvietana, che poi si ritrova a dover concedere un rigore agli avversari realizzato da Marini. Nella ripresa iniziano le tante sostituzioni, ma prima di lasciare il campo Vicaroni trova modo di gonfiare altre due volte la rete, prima servito alla perfezione da Lanzi, quindi trovando sempre la traiettoria giusta negli ultimi metri.

Mattia Vicaroni, autore di 4 gol.

Molti giovani sottoquota hanno avuto modo di mettersi in mostra regalando soddisfazioni a Ciccone, queste le sue parole nel dopogara:

“Proseguiamo il nostro lavoro, che non è solo quello che si vede durante le amichevoli ovviamente, malgrado le gambe pesanti ho visto delle trame di buon gioco che mi è piaciuto, ma ci sta da lavorare su qualche errore. Mi è piaciuta molto la fase di impostazione, meno alcune ripartenze che abbiamo subito. Ci concentreremo su questo. Ancora non sappiamo come sarà il nostro campionato, se dovremo giocare 34 partite o 16, ovvio che la differenza è enorme ma questa incertezza, che spero si risolva presto, riguarda tutti. Se la stagione dovesse essere molto impegnativa dovremo capire se integrare ancora la rosa o meno, sia con i tanti giovani validi che abbiamo o con un altro acquisto”.

post

Sabato alle 18 porte aperte al Muzi, ecco come accedere

Amichevole contro il Pianoscarano, finalmente il pubblico può tornare allo stadio: il modulo da scaricare e compilare per poter accedere.

Sabato 12 alle 18.00 seconda amichevole per l’Orvietana, si gioca in casa al Muzi contro i viterbesi del Pianoscarano.

Per poter accedere allo stadio va scaricato e compilato il seguente modulo di autocertificazione. Il modulo deve essere inviato per email entro le 17.00 di sabato a orvietana.calcio@libero.it (soluzione consigliata), oppure può essere consegnato allo stadio, in tal caso si suggerisce di arrivare in anticipo.